Portogallo, Circle si espande nella penisola iberica: joint venture con Magellan

61

Circle S.p.A., società a capo dell’omonimo Gruppo specializzata nell’analisi dei processi e nello sviluppo di soluzioni di automazione e per la digitalizzazione dei settori portuale e della logistica intermodale, quotata sul mercato AIM Italia organizzato e gestito da Borsa Italiana, si espande nella Penisola Iberica grazie all’accordo di joint venture sottoscritto con Magellan, realtà portoghese attiva nel campo dell’advocacy presso le Istituzioni europee presente con proprie sedi a Porto e a Bruxelles (“Magellan”), Ana Paula Mesquita e Tiago Gali Macedo, entrambi anime storiche di Magellan (i “Partner”). L’accordo di joint venture è finalizzato all’integrazione delle attività, delle competenze e dei rispettivi team, riconducibili, da una parte, alla newCo “Circle Connecting EU” (“NewCo Circle Connecting EU”), costituita da Circle e nella quale sarà conferita entro il mese di dicembre 2020 la Business Unit di Circle attiva nei servizi di Project Anticipation e EU Branding, con efficacia a decorrere dal 31 dicembre 2020, a seguito dello scorporo dalla società madre; dall’altra parte alla newCo “Magellan” (“NewCo Magellan”), a sua volta costituita in data 27 novembre 2020 dai Partner al fine di acquistare da Magellan tutte le attività relative al settore dell’advocacy presso le Istituzioni europee. In particolare, l’accordo prevede l’investimento di Circle nella NewCo Magellan attraverso due distinte fasi temporali, secondo quanto di seguito riportato.

Per Luca Abatello, Presidente e Amministratore Delegato di Circle “La joint venture con Magellan permetterà a Circle di espandere il proprio bacino internazionale, con particolare riferimento alla Penisola Iberica, incrementare il numero e le tipologie di progetti finanziati seguiti, e irrobustire la nostra presenza a Bruxelles. Nell’ultimo decennio abbiamo gestito con successo oltre 10 milioni di Euro relativi a progetti finanziati dall’Unione Europea; riteniamo che rafforzare queste competenze e avvicinarci ulteriormente alle Istituzioni comunitarie ci renda ulteriormente appealing per le aziende e organizzazioni che necessitano di un partner qualificato e affidabile per gestire la delicata quanto strategica transizione verso il Green New Deal e beneficiare di tutte le opportunità derivanti dal fondo Next Generation EU”. Alexio Picco, Managing Director di Circle e da sempre a capo della Business Unit Connecting EU in corso di conferimento nella “NewCo Circle Connecting EU” ha aggiunto: “Aiutare i nostri clienti a innovare e ad essere maggiormente competitivi significa ad oggi coniugare efficienza e sostenibilità. Con questa operazione siamo ora in grado di affrontare con maggiori competenze ed esperienze tematiche quali la sostenibilità, l’economia circolare e le strette correlazioni tra energia, trasporti e ambiente, aumentando perciò sensibilmente la nostra capacità di intercettare e utilizzare al meglio i relativi finanziamenti europei”.