Città d’arte, in crescita i visitatori di mostre e musei: Pompei al top in Italia (+44%)

55


Negli ultimi 20 anni il turismo nelle città d’arte italiane è cresciuto al ritmo del +3,5% annuo, generando un fatturato stimato, per il solo 2015, in oltre 11 miliardi di euro, di cui il 70% da domanda straniera. Lo certificano i dati sul turismo nelle città d’arte in Italia, elaborati dal Centro studi turistici di Firenze in vista della 20esima ‘Borsa del turismo delle 100 città d’arte’. Sono stati 41,5 milioni gli arrivi nelle città d’arte italiane nel 2016, il 36,2% del totale in Italia, mentre le presenze si sono attestate a 110,8 milioni. Confrontando i dati dell’ultimo anno con quelli del 2010, si osserva che il turismo nelle città è cresciuto del 18,8% negli arrivi e del 18% nelle presenze. A fare la differenza è stata soprattutto la quota degli stranieri.
La classifica dell’andamento nelle maggiore città italiane vede in testa Matera. La città dei ‘Sassi’, che nel 2019 sarà Capitale europea della cultura, ha avuto in sei anni un boom del 152,4% di turisti in più in arrivo. La seguono Padova (+44,9%), Verona (+44,7%), Roma (+30,6%), Bologna (+26,5%), Firenze (+25,2%) e Venezia (+22,3%). Per quanto riguarda le strutture ricettive, la crescita media annua è stata dell’1,7%.
Dal 2010 l’offerta ricettiva è cresciuta del 46% per quanto riguarda il numero di esercizi e dell’11% per quanto riguarda i posti letto (da 798.000 nel 2010 a 885.400 nel 2016). A crescere di più per ricettività è Torino (+80%), seguita da Padova (+68%), Lecce (+44%) Verona (+ 33%), Venezia (+25%), Roma (+23%), Bologna (+13%).Positivo anche il trend degli incassi nei musei italiani: +9% all’anno. La crescita di arrivi nelle città d’arte va di pari passo con quella dei visitatori di mostre e musei: dal 2010 al 2016 sono cresciuti del 22% (oltre 8,2 milioni), con un +3,7% solo nel 2016. In aumento sia quelli paganti (+46%) che i non paganti (+5%). Pompei è regina, con un aumento del +44% di turisti, seguita da Roma (+43%), Torino (+41%), Napoli (+26%), Milano (+20%), Firenze (+19%).
Ma quanto vale il turismo dall’estero nelle città d’arte? Dai dati emerge che la spesa degli stranieri in vacanze nella Penisola rappresenta il 36,7% del totale della spesa turistiche in Italia, per un valore di 13 mln di euro. Il turista non italiano spende in media il 22%: 129 euro rispetto ai 106 euro di media. Infine, significativo anche l’apporto dei 5568 borghi italiani: la domanda turistica nei piccoli centri è stata nel 2015 pari a 21,1 milioni di arrivi e 87,5 milioni presenze con il 48,9% di stranieri.