Città della Scienza, arrivano i fondi del Governo. Il ministro Messa: Stanziamento nella Legge di Bilancio

64
in foto Maria Cristina Messa (da Imagoeconomica)

“Città della Scienza ha investito sulla comunicazione scientifica ed è un punto di riferimento non solo per Napoli, ma per l’ Italia,, ed anche internazionale”. Così il ministro per l’ Università e la Ricerca Maria Cristina Messa, in un videomessaggio per l’ inaugurazione della mostra di divulgazione scientifica “Futuro remoto” alla “Città della Scienza” di Napoli. “Si dedica all’attività di divulgazione – ha aggiunto il ministro per la Ricerca – stimolando l’ interesse per il mondo scientifico dei cittadini ed ha una grossa potenzialità per instradare verso una nuova era la comunicazione scientifica, che ha influito molto sulla vita dei cittadini”. “Siamo in un periodo di difficoltà, a causa del Covid, da parte degli scienziati nel trasmettere dei risultati univoci e nel tradurre per i cittadini, da parte del giornalismo scientifico, risultati scientifici che spesso non sono univoci e non danno soluzioni immediate, da bianco e nero, e possono essere compresi solo in un dibattito tra pari. Per questo – ha detto ancora il ministro Messa – bisognerebbe lavorare insieme tra ricercatori e mondo della comunicazione per arrivare ad una comprensione dei cittadini diversa da quella tradizionale”. “In questo senso il lavoro che può svolgere Città della Scienza è molto importante – ha concluso il ministro per la Ricerca – e siccome da soli non si va lontano, il Ministero ha dedicato nella Legge di bilancio tre paragrafi a tre centri di ricerca in Italia uno dei quali è ‘Città della Scienza’, con un finanziamento che diventa quasi ordinario e permetterà quindi all’ ente di programmare in modo più certo rispetto al passato”.