Climate change, allarme degli andrologi: Ogni grado in più rischio per la fertilità

13
(foto da Pixabay)

In Italia gli ultimi dati Istat certificano, con poco più di 400mila nati nel 2020, il declino demografico del Paese e la colpa potrebbe essere anche del riscaldamento globale: “Ogni grado in più rischia di ridurre la fertilità maschile”. A lanciare l’allarme in occasione della Cop26 in corso a Glasgow è la Società italiana di andrologia (Sia). Il numero medio degli spermatozoi degli uomini – rilevano gli andrologi – oggi è dimezzato rispetto a quarant’anni fa e un italiano su 10 è ormai sterile. Un effetto che potrebbe dipendere anche dal cambiamento climatico. E’ infatti noto – ricorda la Sia – che l’aumento della temperatura danneggia l’apparato riproduttivo maschile, molto più di quello femminile: in alcune specie animali, un incremento di pochi gradi delle temperature esterne può arrivare a dimezzare la fertilità e gli esperti temono che questo stia avvenendo anche per l’uomo. “Gli studi sugli animali – spiega Alessandro Palmieri, presidente Sia e professore di Urologia all’Università Federico II di un aumento di pochi gradi delle temperature esterne può arrivare a dimezzare la fertilità e gli esperti temono che questo stia avvenendo anche per l’uomo. “Gli studi sugli animali – spiega Alessandro Palmieri, presidente Sia e professore di Urologia all’Università Federico II di un incremento di pochi gradi delle temperature esterne può arrivare a dimezzare la fertilità e gli esperti temono che questo stia avvenendo anche per l’uomo. “Gli studi sugli animali – spiega Alessandro Palmieri, presidente Sia e professore di Urologia all’Università Federico II di Napoli – per esempio su farfalle e coleotteri, mostra che l’aumento delle temperature sta probabilmente contribuendo all’estinzione di alcune specie perché l’apparato riproduttivo maschile e gli spermatozoi in sono molto sensibili al caldo. In alcuni casi la produzione di spermatozoi è stata vista calare di 3 quarti e la capacità di fecondazione è crollata: solo un terzo degli spermatozoi resta vitale, la maggioranza muore prima di arrivare a fecondare il gamete femminile. Per di più gli effetti negativi si tramandano anche sulla prole eventualmente generata che risulta meno fertile, con un 25% di riduzione delle capacità riproduttive”.