Climate Change, gli impatti sulla salute: call da 350mila euro per la ricerca biomedica

25

La Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna lancia una call da 350.000 euro per finanziare progetti del campo della ricerca biomedica, in particolare per lo studio degli impatti sulla salute delle persone dei cambiamenti climatici. È solo l’ultimo di una serie di investimenti che la l’ente di via Donzelle negli anni ha destinato alla ricerca scientifica, cercando di cogliere le proposte più avanzate su temi diversi, che vanno dalle malattie infettive alla diagnostica più innovativa, dalle patologie oncologiche a quelle croniche degenerative, dalla salute della donna a quella dei bambini. “La Fondazione continua a intervenire laddove c’è più bisogno, e soprattutto quando c’è più bisogno, raddoppiando gli sforzi nei settori che necessitano maggiormente di risorse per promuovere progresso sociale, garantendo una continuità delle erogazioni indispensabile ai progetti che costruiscono il futuro della collettività”, si legge nella nota diffusa per annunciare la call attraverso la quale la Fondazione del Monte intende dare “il proprio contributo con un’azione strutturata a favore dei territori di competenza, investendo in capitale umano e sociale, per colmare quel divario, in tema di finanziamenti alla ricerca scientifica, che ancora ci separa dagli altri Paesi dell’Unione Europea”. Attraverso il bando saranno selezionate le proposte che abbiano non solo validità scientifica, ma si distinguano per originalità e innovazione. Altre variabili fondamentali per la valutazione di ogni progetto saranno la congruità del piano finanziario, la capacità di stringere collaborazioni tra pubblico e privato, l’interconnessione con la ricerca nazionale e internazionale, il coinvolgimento di eccellenze territoriali. Le domande di finanziamento dovranno pervenire, tramite procedura online, entro le ore 12 del 30 novembre 2021 e la loro valutazione sarà anonima e affidata a una commissione composta da referee nazionali indipendenti. I progetti selezionati saranno resi noti a marzo 2022.