Cnr, tracciamento dei visitatori nei Musei: ecco l’algoritmo che ne gestisce l’affluenza

18

La scienza incontra l’arte attraverso un nuovo sistema per la gestione dei flussi di visitatori nelle sale espositive dei Musei. Si parte dalla Galleria Borghese di Roma dove, dai prossimi giorni, sarà testato l’algoritmo messo a punto dal team di ricerca sulla dinamica delle folle, guidato da Emiliano Cristiani dell’Istituto per le applicazioni del calcolo “Mauro Picone” del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Iac) che da anni si occupa di analisi, controllo e ottimizzazione della dinamica delle folle in ambienti strutturati. Il problema della gestione dei visitatori richiede competenze multidisciplinari che vanno dalla psicologia, alla statistica, alla fisica dei sistemi complessi, alle tecniche di modellizzazione e ottimizzazione. “Il progetto di ricerca è partito presso Galleria Borghese nel 2019”, racconta Cristiani, “dove abbiamo raccolto dati sugli spostamenti e i tempi di permanenza nelle sale mediante un sistema di ricevitori Bluetooth (dislocati in tutte le aree del Museo) e di trasmettitori distribuiti ai visitatori”. L’infrastruttura temporanea di rilevatori, così costruita all’interno della Galleria Borghese, ha permesso di tracciare in tempo reale il comportamento naturale dei fruitori del museo. “L’analisi dei dati”, continua il ricercatore del Cnr-Iac, “ci ha permesso di capire quali fossero i tempi di permanenza in ogni sala, i percorsi più seguiti e le sale più affollate”. Il team di ricerca ha poi creato un gemello digitale del museo che rende possibile simulare il movimento delle persone e misurare l’occupazione delle varie sale in ogni istante. Il simulatore permette di variare il numero di visitatori per turno di visita, la durata della visita, gli scaglioni di ingresso e la scelta delle entrate/uscite del museo. Un algoritmo di ottimizzazione ha, infine, calcolato i valori ottimali di tutti i parametri per massimizzare il numero di visitatori giornalieri, evitando però gli affollamenti eccessivi in ogni sala.