Coldiretti, allarme per il settore ristorazione: con lo stop crack da 5 miliardi

76

La stretta anti-Covid chiude da lunedì il servizio al tavolo e al bancone in bar, ristoranti, pizzerie ed agriturismi in tutta Italia, ad eccezione della Sardegna, con un perdita stimata in circa 5 miliardi nelle tre settimane che finiscono con gli appuntamenti delle feste di Pasqua e Pasquetta. A rilevarlo è un’analisi della Coldiretti che evidenzia come in molti abbiano approfittato degli ultimi momenti di relax al tavolo o al bancone nei 120 mila bar, ristoranti, pizzerie e agriturismi ancora aperti nel weekend prima del lungo lockdown. L’ organizzazione agricola segnala che “sono 7 milioni gli italiani che tradizionalmente consumano il pranzo fuori casa a Pasqua per una spesa stimata pari a 400 milioni”. Viene sottolineato inoltre che “un italiano su tre (32%) dovrà rivedere i propri programmi nel lungo weekend di Pasquetta dedicato tradizionalmente alle gite fuori porta”. Viene poi fatto presente che la stretta anti-Covid è un “duro colpo per l’agriturismo che ha già subito perdite di 1,2 miliardi a carico di un sistema di servizi, ospitalità e agri ristorazione leader a livello mondiale che può contare secondo Terranostra su 24576 strutture con 493319 posti a tavola e 285027 posti letto”. Coldiretti conclude che le difficoltà riguardano anche interi settori agroalimentari con vino e cibi invenduti per un valore di 11,5 miliardi dall’inizio della pandemia.