Coldiretti, arriva il tour della consapevolezza: Crescita inarrestabile del made in Campania

51

Tappa in Campania per il ciclo di incontri sulla filiera corta e le eccellenze agroalimentari italiane, a cura di fondazione Campagna Amica/Coldiretti. Questa mattina presso Eccellenze Campania a Napoli il convegno che ha visto la partecipazione dei vertici nazionali di Campagna Amica. “Le abitudini di consumo – ha spiegato Tony De Amicis, direttore di Campagna Amica – si spostano sempre più verso i prodotti locali. Un trend che continuerà a crescere per un tempo indefinito e che dimostra un cambiamento culturale ormai radicato nel rapporto tra consumatori e cibo“.

Ha aperto i lavori il direttore di Coldiretti Campania Salvatore Loffreda. Le relazioni presentate sono state: “Il dovere di crescere” a cura di Tony De Amicis, direttore Fondazione Campagna Amica; “La correttezza imprenditoriale” di Elisabetta Montesissa, responsabile nazionale Campagna Amica; “La qualità come pre-requisito” di Ermanno Coppola, responsabile area sicurezza alimentare e produttiva di Coldiretti; “Analisi sulla qualità dei prodotti agroalimentari campani” di Antonio Limone, direttore Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno; “Psr 14/20, opportunità per la filiera corta” di Antonio Falessi, coordinatore comitato scientifico centro studi AgriSmart/Coldiretti Campania. Ha voluto portare il suo contributo alla discussione anche Filippo Diasco, direttore generale Politiche agricole e forestali della Regione Campania. Ha concluso i lavori Vittorio Sangiorgio, vicepresidente di Coldiretti Campania.

Durante la mattinata sono stati presentati cinque esempi di innovazione e di agricoltura multifunzionale: “Grano e termoterapia” (azienda agricola La Casa di Angiù, Salerno); “Dal bisturi all’abbacchiatore” (azienda agricola Il Cortiglio-Rocca Normanna, Avellino); “Fast food a km zero” (paninoteca Breaday, Caserta); “PeperonGino: la ricerca fa bene” (cooperativa Arca, Napoli); “L’olio che non dice bugie” (azienda agrituristica Masseria Frangiosa, Benevento).

Infine sono stati consegnati gli attestati alle circa duecento aziende agricole che hanno partecipato direttamente ad Expo Milano 2015 durante le settimane dedicate alla Campania nel padiglione nazionale Coldiretti. Due riconoscimenti particolari sono stati assegnati agli agrichef Gennaro Granata (Caserta) e Amelia Salamone (Salerno) per il grande lavoro svolto ad Expo.