Coldiretti Salerno, emergenza cinghiali: Serve un piano di abbattimento straordinario

16
in foto Vito Busillo, presidente di Coldiretti Salerno

“È necessario ridurre sensibilmente il numero dei cinghiali all’interno dell’area protetta del Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni”. A dirlo è il presidente di Coldiretti Salerno, Vito Busillo che chiede un piano di abbattimento straordinario per ridurre la specie. “Il Piano di gestione e controllo del cinghiale varato dalla Regione Campania – spiega Busillo – è sicuramente un passo avanti nella definizione di interventi per il contenimento degli ungulati ma la vera emergenza si registra all’interno dell’area Parco. I cinghiali creano seri problemi all’agricoltura, agli automobilisti, alla biodiversità, fonte di pericolo anche per la conservazione della flora e della fauna selvatica”. Secondo il presidente di Coldiretti Salerno “gli imprenditori agricoli sono esasperati perché da anni non intravvedono soluzione al flagello dei cinghiali, senza essere costretti a chiedere i risarcimenti che, peraltro, arrivano a distanza di anni”. Il problema, infatti, si è aggravato soprattutto negli ultimi anni. “Nel giro di dieci anni – sostiene il direttore di Coldiretti Salerno, Enzo Tropiano – il numero dei cinghiali nell’area Parco è triplicato mettendo a rischio non solo le produzioni agroalimentari e l’assetto idrogeologico del territorio, ma anche la vita degli automobilisti, come testimoniato dai frequenti incidenti stradali”.