Colloqui di Salerno, al via la seconda edizione

55

Seconda edizione dei Colloqui di Salerno. La manifestazione, a cura di Vincenzo Esposito, docente di Antropologia dell’Università di Salerno, e di Francesco G. Forte, publisher (oèdipus edizioni),  quest’anno rende omaggio a due illustri personaggi del teatro e dell’antropologia: Roberto De Simone e Giuseppe Bartolucci.
La I sessione dei Colloqui (mercoledì 19/giovedì 20 ottobre) – è dedicata a Roberto De Simone, regista e musicologo italiano, studioso della tradizione culturale campana e meridionale. Fondatore della Nuova Compagnia di canto popolare, con questo gruppo di ricerca e riproposizione della musica folklorica campana mise in scena, nel 1976, La gatta cenerentola, opera in tre atti che si ispira alla fiaba omonima contenuta ne Lo Cunto de li Cunti di Giambattista Basile, che festeggia quest’anno il quarantennale della prima. 
La seconda  sessione dei Colloqui (mercoledì 26 ottobre/giovedì 3 novembre) ricorda la figura di Giuseppe Bartolucci (Fratte Rosa, Pesaro, 1923 – Roma, 1996): “Bartolucci e la strategia dello sguardo / Bartolucci prima di Bartolucci” e si terrà nei giorni 26, 27, 28 ottobre e 3 novembre al Campus universitario di Fisciano (Facoltà di Lingue e Letterature straniere-Dipartimento di studi umanistici, Biblioteca, terzo piano) e a Salerno (Sala Pasolini-Lungomare Trieste; Palazzo di Città-Sala del Gonfalone, Via Roma)
Bartolucci, critico teatrale nei primi anni Sessanta per “L’Avanti!”, sapiente teorico e fervente sostenitore dell’avanguardia teatrale italiana, tra gli organizzatori e firmatari del Manifesto per un nuovo teatro nel 1967, autore di volumi fondamentali per la storia del teatro contemporaneo, co-direttore del Teatro Stabile di Torino, direttore del settore Scuola del Teatro di Roma, direttore della rassegna Nuove Tendenze che, dal 1973 al 1976, ospitò a Salerno i migliori esponenti del teatro internazionale della post-avanguardia, dal Living Theatre a Peter Brook, da Bob Wilson a Jérôme Savary: alla poliedrica figura di Giuseppe Bartolucci (Fratte Rosa, Pesaro, 1923 – Roma, 1996) saranno dedicati le giornate di studi,  i convegni e gli eventi (26, 27, 28 ottobre e 3 novembre 2016) intitolati Bartolucci e la strategia dello sguardo / Bartolucci prima di Bartolucci, a cura di Francesco G. Forte.  Un progetto di Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee all’interno delle attività denominate Museo sul territorio,in collaborazione con (nell’ambito di I Colloqui 2016) Università degli Studi di Salerno-Polo sul Contemporaneo, Casa del Contemporaneo-Centro di produzione teatrale e Edizioni Oèdipus.