Come salvare i ragazzi nella grotta?

18

Chang Rai, 4 lug. (AdnKronos/Dpa) – Si presentano uno ad uno e salutano: un nuovo video dalla grotta nel nord della dove si trovano i 12 giovanissimi giocatori di calcio assieme al loro allenatore è stato postato su Facebook dai Navy Seal thailandesi. Nelle immagini i ragazzi – di età compresa tra gli 11 e i 16 anni – sono seduti uno accanto all’altro, avvolti nelle coperte termiche. Due giorni fa le squadre di soccorso sono riuscite a individuarli nella grotta di Tham Laun. Per 9 giorni hanno resistito senza cibo. Ora però il dilemma è capire come salvarli.COME SALVARLI? – “L’opzione per tirarli fuori più velocemente è l’immersione, ma è anche la più pericolosa” ha detto alla Bbc Anmar Mirza, coordinatore della ‘US Cave Rescue Commission’. Nell’operazione sono impegnati sommozzatori della marina thailandese, sommozzatori britannici e personale militare americano: in totale, più di 1.000 persone sono state coinvolte, comprese squadre provenienti da Cina, Myanmar, Laos e Australia.

NUOTARE – Nonostante la presenza di molti professionisti ed esperti di immersioni, riporta la ‘Bbc’, per raggiungere il gruppo intrappolato servirebbero comunque molte ore, considerando che i soccorritori sarebbero costretti a nuotare attraverso minuscoli passaggi, seppure aiutati da pompe che di continuo cercano di ridurre la presenza dell’acqua e di liberare le cavità. Nuotare in queste grotte “è una condizione estrema – fanno sapere gli esperti -; è molto probabile che (i ragazzi, ndr) si lascino prendere dal panico e finiscano per mettere in pericolo loro stessi e i soccorritori”.

PERFORARE – Seconda opzione: le autorità sul posto hanno ipotizzato di praticare fori nelle pareti della grotta per drenare parte dell’acqua. Il problema, in questo caso, è lo spessore della roccia. Problema che persisterebbe anche nel caso in cui la perforazione possa servire per creare una via di uscita per i ragazzi intrappolati. Per una soluzione simile però, sottolineano ancora gli esperti, servirebbe portare nella zona pesanti attrezzature di perforazione, necessarie per sfondare la roccia. E senza strade, arrivare vicino alla cavità è molto difficile.

MORFOLOGIA – Inoltre, sarebbe importante e necessario condurre un’indagine sulla morfologia della caverna per conoscerla prima di iniziare a perforare; altrimenti si corre il rischio di scavare nel posto sbagliato. “E’ una situazione molto difficile” ha sottolineato Anmar Mirza. “È come cercare un ago in un pagliaio”.