Come scegliere il mutuo: consigli e suggerimenti

143

Nonostante la pandemia di Covid-19, nel 2020, sono aumentate le erogazioni di mutui immobiliari, un fenomeno supportato dai tassi d’interesse ai minimi storici e dal forte aumento delle surroghe, grazie alla maggiore competitività nel settore bancario.

Secondo i dati dell’Osservatorio del CRIF, la crescita delle concessioni di mutui è stata del 12,7% nei primi nove mesi del 2020, con un incremento stabile superiore al 9% anche nei primi due trimestri dell’anno.

Per quanto riguarda i tassi d’interesse, l’andamento è stato favorevole per le famiglie nel 2020, grazie alle politiche della Banca Centrale Europea che ha mantenuto i tassi BCE a zero per tutto l’anno passato, confermandoli anche per il 2021.

Anche i parametri per i tassi dei mutui sono scesi in modo costante, tra cui l’Euribor a 1,3 e 6 mesi di riferimento per i mutui ipotecari a tasso variabile, con un andamento simile per l’Eurirs per quelli a tasso fisso.

Come trovare il mutuo giusto per finanziare l’acquisto di un immobile

Il momento favorevole per l’acquisto finanziato di un immobile richiede comunque attenzione nella scelta del mutuo, per individuare la soluzione più adatta alle proprie esigenze.

Il mutuo non solo deve essere conveniente, con un tasso d’interesse basso e vantaggioso, ma anche offrire un servizio di qualità, un supporto adeguato da parte della banca e garantire flessibilità e semplicità nella sua gestione.

Ovviamente, l’aspetto principale è trovare una banca che metta a disposizione proposte caratterizzate da un tasso interessante e condizioni favorevoli, come ad esempio le offerte dei mutui di Crédit Agricole, uno dei principali gruppi bancari operativi nel nostro Paese con oltre 150 anni di storia.

L’istituto propone un portale web dedicato al calcolo online del mutuo, per simulare in pochi passaggi il finanziamento in base alla durata del rimborso, al valore dell’immobile e all’importo del mutuo, scoprendo tutte le opzioni a disposizione con prodotti specifici per l’acquisto, le ristrutturazioni e le surroghe.

Ad ogni modo, oltre al tasso d’interesse è importante analizzare il TAEG, l’indicatore complessivo dei costi del mutuo, comprensivo delle spese accessorie come l’istruttoria della pratica, l’incasso delle rate e la perizia tecnica dell’immobile.

Lo stesso vale per lo studio delle polizze assicurative, con la copertura obbligatoria contro incendi e scoppi e una serie di personalizzazioni per definire un’assicurazione completa in grado di offrire la massima protezione.

Inoltre, è fondamentale rivolgersi solo ed esclusivamente a banche affidabili, con una situazione patrimoniale in linea con i requisiti della BCE e una reputazione solida alle spalle.

L’istituto deve fornire anche servizi integrati utili e un efficiente supporto dei clienti, in questo modo si potrà contare sull’assistenza di professionisti esperti nel settore durante il pagamento delle rate, per avere sempre la situazione sotto controllo nel corso del rimborso del mutuo.

La scelta del tasso d’interesse giusto per il mutuo

Al giorno d’oggi è possibile scegliere tra diverse formule per il tasso d’interesse del mutuo, tra cui quelle principali sono il tasso fisso e quello variabile. Dopodiché, esistono varie soluzioni ibride, come il tasso variabile con CAP, oppure il fisso con opzione per passare al variabile in momenti prestabiliti.

Individuare il tasso più adatto alle proprie necessità non è semplice, per questo motivo è indispensabile il supporto di consulenti specializzati e un’accurata analisi di ogni tipologia di mutuo

Il tasso fisso prevede di solito una rata più alta rispetto al variabile, tuttavia permette di usufruire di un importo stabile, che non cambia nel tempo, per evitare aumenti della rata mensile e pianificare l’investimento in modo prudente e senza sorprese.

Il tasso variabile consente in questo momento di ottenere una rata più bassa, sebbene sia maggiormente esposto alla fluttuazione degli indicatori di riferimento, con la possibilità di un futuro aumento dei tassi e della rata.

Un’opzione interessante è senza dubbio il mutuo a tasso variabile con tetto massimo della rata, una soluzione che consente di beneficiare dei vantaggi del variabile con la sicurezza del fisso al raggiungimento di un importo prefissato.

Ad ogni modo, è importante scegliere un mutuo con una rata sostenibile, condizioni adeguate alle proprie esigenze e un buon livello di flessibilità, ad esempio con opzioni per saltare alcune rate in caso di necessità o sospendere il mutuo per un periodo limitato.