Commercialisti, Cantone al forum “Anticorruzione”: Impegno per aprire il mercato alle Pmi

92
in foto Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione

“Il ruolo dei professionisti in Italia è fondamentale, possono e devono svolgere un ruolo in tutte le questioni di legalità perché sono consulenti rispetto a enti locali e imprenditori e hanno la capacità di guardare con maggiore sensibilità al futuro. Non invidio la categoria dei commercialisti, tenuta ad aiutare contribuenti spesso in gravi difficoltà: non hanno un compito facile perché sono destinatari di continue modifiche normative. Occorre in questo senso semplificare le leggi, è una questione di qualità perché troppo spesso oggi si fa fatica a trovarle e leggerle e tutto diventa più complicato”. Lo ha detto il presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione Raffaele Cantone aprendo il forum “Anticorruzione e trasparenza negli enti locali” organizzato dall’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli.
“Un altro tema per contrastare la corruzione è la trasparenza, in assoluto strumento principe contro il malaffare. Il basso livello di corruzione di alcuni Stati – ha aggiunto Cantone – non è dovuto a forze dell’ordine che funzionano in modo perfetto, ma sono piuttosto luoghi dove si sviluppa quella forma di controllo dei cittadini sulle risorse”. Sul tema dell’economia, Cantone spiega: “Oggi in Italia bisogna dare maggiore attenzione alle piccole e medie imprese – ha detto ancora Cantone – anche il modo in cui vanno costruiti gli appalti deve tenere conto delle possibilità di garantire imprese piccole e che operano nei singoli territori. Troppo spesso gli imprenditori si sentono tagliati fuori dai grandi appalti, il nostro impegno come Autorità Anticorruzione è quello di aprire il mercato il più possibile alle pmi. Un futuro in politica? Fino al 2020 sarà presidente Anac”.