Commercialisti di Napoli Nord al voto, Corbello presenta la sua lista

38
In foto Francesco Corbello

Aggregazione, digitalizzazione, giovani, innovazione, istiutizioni, specializzazione, tempo, trasparenza e tutela. Sono questi i nove punti chiave del programma presentato dalla lista «Odcec 2.0 – Nel segno della continuità determiniamo il futuro», che vede candidato come presidente del Consiglio dell’Ordine dei Commercialisti e degli Esperti Contabili di Napoli Nord, Francesco Corbello. Dottore commercialista di Aversa, nonché «strategic partner» di Dubai Investment Development Agency (Dubai FDI) – l’Agenzia di promozione degli investimenti esteri presso il Dipartimento di Sviluppo Economico del Governo di Dubai, Corbello, parteciperà con i 19 candidati al consiglio alle prossime elezioni fissate per i prossimi 5 e 6 novembre: gli iscritti sono chiamati ad esprimere il proprio voto per quadriennio 2021-24). Nei giorni scorsi, il candidato a presidente Corbello, ha iniziato a diffondere un corposo ed ambizioso programma per l’attività dell’ordine. «Ho accettato la candidatura a presidente con estrema gratitudine verso i tanti che mi hanno ritenuto all’altezza di competere per assolvere ad un ruolo di così grande responsabilità – spiega il dottor Corbello – l’ho fatto con entusiasmo e giovialità, l’ho fatto con la convinzione di potere e di dovere. E’, infatti, dovere di noi tutti mettere a servizio della professione quanto acquisito, perché è solo attraverso il contributo di tutti e di ciascuno che si può progredire e andare incontro al futuro. Rispetto al futuro – prosegue il candidato a presidente dell’Odcec – ho sempre immaginato che vi fossero due strade per affrontarlo: giocare d’anticipo agendo secondo un piano o aspettare gli accadimenti fronteggiando le conseguenze». Corbello, nella sua presentazione, propone agli iscritti «di progettare ed attuare insieme un Odcec 2.0, capace di anticipare e costruire il futuro valorizzando le esperienze maturate e creandone di nuove». Un corposo programma elettorale incentrato sulle principali macro-sfide che la professione è chiamata ad affrontare, con diversi punti sui quali il candidato a presidente spera in un confronto con i colleghi, perché possa diventare la prima pietra di un cantiere aperto, «pronto a raccogliere idee e proposte per costruire, insieme, l’Ordine che vogliamo». Per sgomberare il campo da equivochi sull’eleggibilità, Corbello, ha anche  provveduto a consultare esperti che avessero le necessarie competenze per opinare a riguardo e rendere un parere conforme a verità, i quali si sono pronunciati in favore della sua candidabilità ed eleggibilità, ritenendo che non fosse integrato l’espletamento di due mandati. La lista è stata quindi ammessa dal Consiglio dell’Ordine previa acquisizione di parere legale pro-veritate e, conclude Corbello, «ulteriore conferma potrà trovare la questione, anche in altre sedi, ove se ne manifestasse la necessità». Con Corbello corrono i candidati consiglieri Angelo Capone, Sandro Fontana, Diego Musto, Gerardo Carleo, Giulio Frezza, Michele Frignola, Raffaele Iodice, Eugenia Maisto, Vincenzo Micillo (Ezio), Francescopaolo Orabona,Enrico Villano, Luigi Buompane, Luigi Errichiello, Biagio Pagano, Ovidio Caputo (Gianni), Luigi Cecere, Sergio Di Meo, Pasqualino (Lino) Di Vaio, Anna Peluso (Arianna). Come revisori: Paolo de Paola, Gianluca Castiello e Silvio Pedata.