Commercianti salernitani in piazza: no al lockdown e accuse a De Luca

118

Commercianti salernitani in piazza (GUARDA IL VIDEO) per protestare contro il coprifuoco e le misure adottate da Regione Campania e Governo. In piazza Amendola, un’area che divide Palazzo di Città dalla sede di Questura e Prefettura, circa 300 imprenditori hanno manifestato il loro dissenso. Sotto accusa il presidente della Regione, Vincenzo De Luca, e il Governo. “Non hanno fatto niente per 7 mesi, non hanno adottato una strategia di contenimento della annunciatissima e prevista seconda ondata di contagi e oggi pretendono di scaricare la loro inefficienza e la loro incompetenza su aziende e famiglie. Vergogna”. E’ questo il coro unanime di proprietari di negozi, bar, ristoranti, locali di intrattenimento. Una protesta pacifica, corredata da cartelli e striscioni, che però tradisce un profondo malessere. “Il lockdown lo facesse De Luca – attacca una storica ristoratrice – noi abbiamo fatto già la nostra parte a marzo e aprile scorsi. Se questa gente non ha saputo allestire un organizzazione in grado di gestire la nuova ondata deve andare a casa e perdere il lauto stipendio mensile. E’ bello, per i nostri governanti, chiudere tutto tanto a loro lo stipendio arriva comunque”. La situazione, al di là della protesta pacifica di ieri, è esplosiva. I soldi in cassa sono finiti, intere famiglie non hanno sostentamento e si rischia una catastrofe sociale ben più grave dei contagi. La politica, stavolta, non può pensare di risolvere tutto con il lockdown.