Commercio, Confesercenti Campania apre lo sportello “Franchisud Point”

43
in foto Vincenzo Schiavo, presidente Interregionale (Campania e Molise) di Confesercenti

Confesercenti Campania lancia lo sportello “Franchisud Point” per dare supporto informativo a chi vuole intraprendere un’attività in franchising, dall’accesso al credito alle consulenze sugli aspetti fiscali, legali, di tutela del marchio, di marketing, e sulla formazione del personale e sull’internazionalizzazione. In Italia, informa Confesercenti, il franchising continua a crescere: nel 2017 i negozi in affiliazione commerciale hanno generato un fatturato complessivo di 24,2 miliardi, con un incremento dello 0,9% rispetto al 2016.
Un risultato raggiunto anche grazie alla continua espansione della rete: i franchisor (coloro che concedono l’utilizzo del marchio) attivi nel nostro paese sono 977 (+2,7% sullo scorso anno), mentre il numero di imprese franchisee (coloro che gestiscono il marchio) affiliate ha raggiunto quota 51.260 (+1%). Una crescita che coinvolge anche la Campania, dove ci sono circa 90 marchi in franchising e 3.000 franchisee (affiliati che acquistano i diritti). La Campania è la quinta nel Paese in quanto a franchisee italiani con il 7,2% del totale, dopo Lombardia (28,8%), il Lazio (che ospita il 14%), Veneto (11%) ed Emilia Romagna (8,8%). La media dell’investimento, in Campania, è di 100mila euro per aprire un locale “chiavi in mano”, con un rientro delle spese preventivabile in due anni. “Lo sportello – dice Vincenzo Schiavo, presidente Interregionale (Campania e Molise) di Confesercenti – è una grande opportunità per gli imprenditori e per lo sviluppo economico del nostro territorio. Confesercenti rappresenta quasi tutti i franchisor e questo significa che diamo supporto ai franchisee e agli imprenditori che intendono investire in questo settore. Con lo sportello si può trovare l’economia per sostenere gli investimenti degli imprenditori, avendo accordi con le banche disponibili a sostenere le start up e dal momento che noi indichiamo tra i franchisor nazionali le aziende sane, pulite e solide a cui affiliarsi”.