Commissione Anticamorra, nuova proposta di legge per il riutilizzo dei beni confiscati

73

Due milioni di euro per i primi investimenti, un fondo unico dedicato, la centralità della tematica nella programmazione regionale dei fondi europei, un piano regionale triennale che determinerà le politiche di comparto: sono alcune delle principali novità contenute nella proposta di legge per “il riutilizzo dei beni confiscati alla criminalità organizzata e disposizioni per il Piano regionale per i beni confiscati” che il rinnovato Ufficio di presidenza della Commissione consiliare anticamorra (presidente Carmine Mocerino, vice presidente Enza Amato e prima firmataria, segretario Vincenzo Viglione) ha presentato questa mattina alla segreteria generale del Consiglio.

Nella passata legislatura, grazie al lavoro della commissione speciale sui beni confiscati – spiegano Amato (Pd), Mocerino (Caldoro Presidente), e Viglione (M5S) – la Regione si dotò di una legge, la 7/2012, approvata all’unanimità e riconosciuta tra le più avanzate d’Italia. Tuttavia, le previsioni di questa normativa non sono mai state poi concretizzate. Con questa riforma della legge – aggiungono – interveniamo innanzitutto per definire una programmazione complessiva di questa materia, attraverso lo strumento di un piano regionale sui beni confiscati, che sarà approvato ogni 3 anni, ma avrà misure attuative annuali. Inoltre con la riforma dell’Osservatorio, che sarà guidato dal Presidente della Regione o da un suo assessore delegato, si avvia un sistema di monitoraggio qualitativo e quantitativo, rilanciando il tema delle aziende confiscate. ”Ci siamo fattivamente confrontati con la giunta – precisano i tre consiglieri – registrando il prezioso contributo dell’assessore alle politiche sociali Lucia Fortini. Siamo di fronte a una duplice grande sfida – concludono Amato, Mocerino, e Viglione – combattere la criminalità organizzata e dare una nuova occasione di sviluppo economico e occupazionale, che parte dalla legalità. Non c’è tempo da perdere”.