Commissione Europea, via libera in Campania al Programma di sviluppo rurale da 1,8 miliardi

46

Disco verde della Commissione europea al programma di sviluppo rurale (Psr) della Regione Campania, che avrà a disposizione 1,84 miliardi di euro per il periodo 2014-2020. Di questa cifra complessiva, oltre 1,1 miliardi di euro arrivano dal bilancio Ue e 726 milioni dal cofinanziamento nazionale. Secondo il piano, oltre 700 milioni (38,7% del totale) sono destinati a preservare e ripristinare gli ecosistemi nei settori agricolo e forestale, mentre poco meno di 600 milioni (31,7%) andranno ad aumentare la competitività delle imprese agricole. Circa 60.000 ettari saranno tutelati mediante contratti di gestione ambientale del territorio destinati ad obiettivi specifici in materia di biodiversità e gestione delle risorse idriche e alla prevenzione dell’erosione del suolo. Quasi 8.000 ettari di terreni agricoli riceveranno poi sostegno per il passaggio o il mantenimento dell’agricoltura biologica. Per migliorare la competitività e la sostenibilità del settore agricolo, sono previsti quasi 16.000 posti in corsi di formazione per promuovere l’innovazione, la cooperazione e la definizione delle pratiche più sostenibili. Circa 3.400 aziende agricole (compresi i giovani agricoltori) dovrebbero beneficiare inoltre di un sostegno per migliorare i propri risultati economici e ristrutturare e modernizzare le proprie aziende. Saranno concessi anche aiuti all’avviamento di imprese, a circa 1.500 giovani agricoltori. Il programma prevede infine che il 25% della popolazione rurale avrà accesso alla banda larga.