Compravendita senatori, confermata la prescrizione per Berlusconi

21
in foto Silvio Berlusconi

È stata confermata dalla Cassazione la prescrizione del processo per la compravendita di senatori nei confronti di Silvio Berlusconi che chiedeva l’assoluzione dall’accusa di corruzione. Il reato è stato riqualificato in corruzione impropria, come chiesto dal Pg, ma l’esito della prescrizione è rimasto inalterato. In base all’accusa, Berlusconi fece avere all’ex senatore Idv Sergio De Gregorio 3 milioni di euro per passare dal centrosinistra al centrodestra votando la sfiducia al governo prodi nel 2008.
Con questo verdetto della Sesta sezione penale, i supremi giudici hanno confermato la prescrizione dichiarata dalla Corte d’appello di Napoli il 20 aprile 2017, limitandosi a riqualificare il reato. Rimane salva la costituzione di parte civile del Senato che potrà ottenere, in separato giudizio, il risarcimento dei danni derivati dalla compravendita della funzione parlamentare. In primo grado Berlusconi, insieme all’ex direttore dell’Avanti Valter Lavitola era stato condannato a 3 anni con la sospensione dai pubblici uffici per 5 anni. De Girolamo aveva patteggiato una condanna a 20 mesi nel 2013. Solo il leader azzurro e Forza Italia hanno fatto ricorso alla Suprema corte contro la prescrizione. Senza successo la difesa di Berlusconi, con il professori Franco Coppi, ha sostenuto che “l’attività parlamentare è insindacabile e non si può stabilire se un voto è frutto di dazione di denaro: il voto è coperto dall’immunità parlamentare e non può essere oggetto di indagini”. Nicolò Ghedini, ha invece contestato la costituzione di parte civile del Senato.