Comunali, il movimento De Magistris alla prova delle urne in Campania

45

Le amministrative in Campania riguardano 89 Comuni sui 550 (cioe’ il 16,2% del totale), ma di questi solo 19 hanno una popolazione al di sopra dei 15.000 abitanti. I tre centri con una densita’ di popolazione maggiore che vanno al voto sono quello di Pozzuoli, con 80.357 cittadini, quello di Portici con 55.765 cittadini, e Torre Annunziata, con 43.521 abitanti, tutti nel Napoletano. Il comune piu’ piccolo si trova nel Salernitano ed e’ Stella Cilento, nel Vallo di Diano con 774 abitanti. I sindaci uscenti sono prevalentemente ricandidati, come a Pozzuoli, dove Vincenzo Figliolia tenta un secondo mandato cosi’ come ad Acerra Raffaele Letteri. Tra i Comuni al voto, 19 sono sotto amministrazione di un commissario prefettizio, nella quasi totalita’ dei casi per scioglimento dovuto a dimissioni della maggioranza dei consiglieri, e solo nel caso di Arzano, nel Napoletano, l’ente e’ stato sciolto per infiltrazioni mafiose. Le sfide piu’ delicate sono appunto quella di Pozzuoli e quella di Acerra. A Pozzuoli i candidati sono quattro. Vincenzo Figliolia, primo cittadino uscente, che viene dalla sinistra e dal Pd in particolare, e’ appoggiato infatti da diverse liste tra cui due che fanno capo a due consiglieri di Forza Italia, Filippo Monacone e Salvatore Maione. Contro di lui un ventottenne, Raffaele Postiglione, sostenuto da diverse liste civiche e che si riconosce nel movimento DeMa, quello creato dal sindaco di Napoli Luigi de Magistris. E ancora un medico chirurgo, Pasquale Bove, anche lui sostenuto da liste di destra e di sinistra, e Gennaro Prebende. L’unico candidato finora certo del Pd e’ ad Acerra, ed e’ Paola Montesarchio, in passato segretario locale del partito; a lei fa capo una coalizione chiamata Destra,Sinistra nella quale oltre al Pd ci sono anche liste di destra. Lettieri e’ sfidato pure da un’altra donna, Carmela Semeraro, per Alternativa di sinistra.. Ancora non chiara la scelta del Movimento 5 Stelle, alle prese tra l’altro con una polemica interna. A Torre Annunziata Giosue’ Starita, che era gia’ stato riconfermato nel 2012, non puo’ ricandidarsi e per la sua successione sono in corsa un suo ex assessore, Ciro Alfieri, sostenuto tra l’altro da Ala, e Vincenzo Ascione che ha vinto le primarie interne al Pd ma che deve vedersela con la coalizione che ha un nome alternativo, quello di Carmine Alfieri. C’e’ anche in questo caso un nome che raggruppa diverse liste civiche e ancora una volta il movimento DeMa, quello di Pierpaolo Telese.