Comunali Roma: il 6 marzo le primarie del centrosinistra. Sei i candidati

41

“Il dibattito seguito alle primarie milanesi per il voto degli immigrati non ci ha spaventato, anzi è stata un’occasione per approfondire il senso di una scelta come questa: restituire a tanti immigrati la fiducia che hanno riposto nella nostra città, alla quale hanno affidato il loro futuro. E di utilizzare le primarie come un’occasione, non solo di selezione del candidato sindaco del centrosinistra, ma anche di crescita culturale e civile di tutta la comunità romana”. Lo scrive su Facebook il presidente del Pd e commissario del partito a Roma Matteo Orfini, dicendosi “certo che i cittadini romani sapranno apprezzare questa apertura più di tanti addetti ai lavori e commentatori vari”. Quindi Orfini ricorda che “oggi, al teatro Apollo 11, dove abbiamo allestito un punto per la preregistrazione degli immigrati al voto di domenica, trasmetteremo un video per raccontare le storie di alcuni di loro, che non solo vivono la città ma che partecipano anche alla discussione politica, portando avanti progetti importanti per Roma”.

“Abbiamo introdotto una regola che non c’era nel 2013 a Roma: l’obbligo di preregistrazione. Chi vuole partecipare al voto di domenica deve preiscriversi alle primarie entro le 12 di domani e poi andare a votare in un seggio speciale. Questo scoraggia la partecipazione ‘cammellata’ o non consapevole. In passato abbiamo visto le file di rom, spero che non si verificheranno più anche perché non abbiamo avuto fino ad ora preregistrazioni di questa entità”: ad annunciarlo Orfini riferendosi all’obbligo di preregistrazione previsto per i cittadini stranieri regolarmente residenti nella Capitale, necessario per potersi recare domenica prossima a votare alle primarie del centrosinistra.

L’incognita affluenza “c’è sempre. Da quando esistono le primarie non c’è mai stata un’occasione in cui non uscivano articoli o dichiarazioni preoccupate per l’affluenza e poi c’é sempre stata una buona affluenza. Sono troppo esperto per dare numeri in queste occasioni. Vedremo, ma secondo me ci sarà una buona partecipazione. Stiamo ovviamente facendo la danza del sole, perché come sempre l’unica preoccupazione è il maltempo”, ha detto Orfini.

“Il dibattito seguito alle primarie milanesi per il voto degli immigrati non ci ha spaventato, anzi è stata un’occasione per approfondire il senso di una scelta come questa: restituire a tanti immigrati la fiducia che hanno riposto nella nostra città, alla quale hanno affidato il loro futuro. E di utilizzare le primarie come un’occasione, non solo di selezione del candidato sindaco del centrosinistra, ma anche di crescita culturale e civile di tutta la comunità romana”. Lo scrive su Facebook il presidente del Pd e commissario del partito a Roma Matteo Orfini, dicendosi “certo che i cittadini romani sapranno apprezzare questa apertura più di tanti addetti ai lavori e commentatori vari”. Quindi Orfini ricorda che “oggi, al teatro Apollo 11, dove abbiamo allestito un punto per la preregistrazione degli immigrati al voto di domenica, trasmetteremo un video per raccontare le storie di alcuni di loro, che non solo vivono la città ma che partecipano anche alla discussione politica, portando avanti progetti importanti per Roma”.

“Abbiamo introdotto una regola che non c’era nel 2013 a Roma: l’obbligo di preregistrazione. Chi vuole partecipare al voto di domenica deve preiscriversi alle primarie entro le 12 di domani e poi andare a votare in un seggio speciale. Questo scoraggia la partecipazione ‘cammellata’ o non consapevole. In passato abbiamo visto le file di rom, spero che non si verificheranno più anche perché non abbiamo avuto fino ad ora preregistrazioni di questa entità”: ad annunciarlo Orfini riferendosi all’obbligo di preregistrazione previsto per i cittadini stranieri regolarmente residenti nella Capitale, necessario per potersi recare domenica prossima a votare alle primarie del centrosinistra.

L’incognita affluenza “c’è sempre. Da quando esistono le primarie non c’è mai stata un’occasione in cui non uscivano articoli o dichiarazioni preoccupate per l’affluenza e poi c’é sempre stata una buona affluenza. Sono troppo esperto per dare numeri in queste occasioni. Vedremo, ma secondo me ci sarà una buona partecipazione. Stiamo ovviamente facendo la danza del sole, perché come sempre l’unica preoccupazione è il maltempo”, ha detto Orfini.