Con Mirabilia network b2b e premi per l’Italia da scoprire

6

Pavia, 29 ott. (Labitalia) – È ‘un’Italia che non ti aspetti’ quella proposta da Mirabilia Network, una rete che mette in collegamento veri e propri ‘gioielli’ storici, culturali, ambientali, luoghi riconosciuti dall’Unesco come Patrimonio dell’Umanità, ma meno conosciuti dal pubblico nazionale e internazionale. Un modello di ‘turismo sostenibile’ che ogni anno cresce e si rafforza, grazie a un progetto di marketing territoriale divenuto a dicembre 2017 ‘Associazione nazionale’. E che ad oggi coinvolge 17 Camere di commercio in Italia: Bari, Benevento, Caserta, Crotone, Genova, Matera, Messina, Molise, Pavia, Perugia, Potenza, Riviere di Liguria, Sassari, Sicilia Orientale, Udine, Venezia Giulia, Verona, oltre a Unioncamere.

Proprio nei giorni scorsi, l’associazione Mirabilia Network ha organizzato a Pavia la settima edizione della ‘Borsa internazionale del turismo culturale’ e la terza edizione della ‘Borsa Food&Drink’. Un doppio appuntamento annuale – organizzato in collaborazione con Ieg, Ita, Mise e quest’anno Camera di commercio di Pavia – che rappresenta un’opportunità per le imprese con oltre 2.600 incontri d’affari, tra imprenditori e buyer esteri, incontri b2b tra domanda e offerta turistica e agroalimentare. Al Palazzo delle Esposizioni di Pavia, hanno partecipato, il 26 e 27 ottobre, 250 operatori e 90 buyers del settore turismo e food & drink provenienti dai Paesi Ue e da Usa, Giappone, Cina, Russia.

A seguire, si è svolto l’incontro di Mirabilia con le Camere di commercio di Francia, Croazia, Grecia, Ungheria, Bulgaria, in un’ottica di relazioni di partenariato. In Europa, infatti, sono già attive relazioni di partenariato con le Camere di commercio spagnole, greche, croate, bulgare e slovene e con le Camere di commercio francesi di Tarn, Dordogne, Gard, Tarbes e Hautes-Pyrénées. In definizione, ci sono la strutturazione di percorsi turistici, artistici, culturali ed enogastronomici di carattere nazionale, eventi di promozione e valorizzazione dei territori.

La Borsa internazionale del turismo culturale è un evento b2b riservato a imprenditori del settore turistico (tour operatours, agenzie di viaggio, albergatori, agenzie di incoming, etc.) operanti nei territori che possono vantare la candidatura o la titolarità di un sito materiale riconosciuto come bene Patrimonio dell’umanità dall’Unesco e ai buyers (operatori incoming, decision manager, buyers luxury travel, ecc.). Il percorso progettuale – già avviato con la realizzazione della Borsa internazionale a Lerici nel 2012, a Matera nel 2013, a Perugia nel 2014, a Lipari nel 2015, Udine nel 2016 e Verona nel 2017 – intende promuovere un’offerta turistica integrata dei siti Unesco meno noti, che renda visibile e fruibile il collegamento tra territori turisticamente, culturalmente e artisticamente interessanti e accomunati dal riconoscimento Unesco.

In concomitanza alla Borsa, si è svolta anche la terza edizione di Mirabilia Food&Drink, un evento b2b nel settore food drink riservato a 100 imprenditori provenienti da tutti i territori Mirabilia, che possono vantare la candidatura o la titolarità di un sito materiale riconosciuto come bene patrimonio dell’umanità dall’Unesco e a circa 40 buyer provenienti da area europea e da Stati Uniti, Canada e Giappone selezionati da Ice-Agenzia, ente partner di Mirabilia.

Infine, ci sono le attività di formazione svolte da Mirabilia con le nuove generazioni: da tre anni sono coinvolti gli studenti dei licei che hanno sede nelle città del network, ed è in corso il coinvolgimento di giovani laureati delle Università degli studi del Molise, di Perugia, di Udine, di Verona, di Pisa, della Basilicata, che lavorano a una mappatura completa e analitica dei propri luoghi di appartenenza. Mirabilia si fa interprete anche dell’aggiornamento tecnologico, e spinge l’acceleratore sull’innovazione diventando ‘Punto Impresa Digitale’ del sistema camerale.

In occasione della giornata inaugurale – introdotta dai saluti di Franco Bosi, presidente della Camera di commercio di Pavia; Angelo Tortorelli, presidente Associazione Mirabilia Network; Eric Giraudier, presidente Chambre de commerce et d’industrie du Gard; Massimo Depaoli, sindaco del Comune di Pavia; Silvia Piani, assessore alle Pari Opportunità Regione Lombardia – si è svolta la tavola rotonda sul tema ‘Turismo, cultura, agroalimentare: il valore dei territori e dei siti Unesco’, alla quale sono intervenuti, tra gli altri, Lucia Borgonzoni, sottosegretario per i Beni e le Attività Culturali; Philippe Daverio, critico d’arte, docente e saggista; Davide Rampello, docente universitario, regista e direttore artistico; Giuseppe Tripoli, segretario regionale Unioncamere. La mattinata si è conclusa con l’intervento di Gian Marco Centinaio, ministro delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo.

“Questo è un momento molto importante per fare crescere un”altra Italia’, un turismo più lento e incontri b2b con i buyer. Ogni Camera di commercio cerca di sviluppare il turismo nel proprio territorio, ma poi è importante fare rete”, ha affermato Franco Bosi, presidente della Camera di commercio di Pavia.

Come ha sottolineato Angelo Tortorelli, presidente dell’Associazione Mirabilia Network, “quest’anno le presenze sono molto aumentate: Mirabilia dimostra la voglia di fare sistema, è un cordone ombelicale fra le qualità architettoniche abbinate al paesaggio e all’enogastronomia di quei siti che non sono ‘minori’ ma ‘meno conosciuti’ e sui quali abbiamo però l’attenzione del mondo e questa Italia ha tutte le carte in regola per giocare la sua partita”.

Tortorelli ha rimarcato anche l’impegno dell’associazione sul fronte della formazione e ha annunciato che l’edizione 2019 si terrà a Matera, in omaggio al titolo che avrà di ‘Capitale europea della cultura’. Si è rivolto, poi, ai ‘cugini’ francesi, sempre più interessati a un progetto che guarda, infatti, all’Europa, come ha testimoniato Eric Giraudier, presidente Chambre de commerce et d’industrie du Gard: “Confermiamo la nostra volontà di accompagnare e ampliare il progetto e auspichiamo uno sviluppo europeo della rete”.

Per Silvia Piani, assessore alle Pari Opportunità della Regione Lombardia, “fare rete ci porta a risultati importanti come Mirabilia”, mentre Massimo Depaoli, sindaco del Comune di Pavia, ha ricordato le ‘carte’ della città, fra cui “l’essere da sempre aperta” e “il corretto rapporto fra le istituzioni che permette la riuscita di eventi come questo”.

Concludendo, il ministro delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, Gian Marco Centinaio, ha assicurato l’interesse del dicastero per il progetto Mirabilia: “Oggi l’Italia deve puntare su cultura, agroalimentare e territorio, perché noi siamo quello. Sempre più turisti vengono nel nostro paese per l’enogastronomia e chiedono anche mete alternative. Per questo, dobbiamo offrire qualcosa di diverso, un turismo che in passato non veniva valorizzato, al tempo stesso decongestionando mete più classiche e destagionalizzando. E il turismo, con progetti come questo, ha capito che se non facciamo sistema saremo perdenti”.

L’evento di Pavia è stato anche l’occasione per testimoniare l’eccellenza culturale, artistica e artigianale made in Italy, con la cerimonia di premiazione della seconda edizione del ‘Premio Mirabilia ARTinART’, il riconoscimento che valorizza l’artigianato artistico dei siti Unesco del Network Mirabilia. Quest’anno il tema che ha ispirato il concorso era ‘Mirabilia – Viaggio attraverso le città dell’arte’, che è stato interpretato liberamente attraverso opere realizzate con tecniche e materiali scelti dagli artigiani. Le opere in concorso nazionale sono state giudicate da una giuria nazionale presieduta dallo scrittore Mino Milani con rappresentanti di Cna e Confartigianato nazionali.

I riconoscimenti sono stati assegnati a Gerardo Sacco della Camera di commercio di Crotone e al suo vassoio d’argento (1° premio); a Marina Bertagnin della Camera di commercio di Verona con la scultura ‘Via della Seta’ (2° premio) e a Giulia Casellato della Camera di commercio di Pavia con l’anello ‘Risaiola’ (3° premio). E’ stato consegnato anche un premio fuori concorso a Giuseppe Albrizzi, della Camera di commercio di Pavia, per il suo calice in argento dorato. Le altre classificate saranno esposte per un mese nell’atrio della sede di Camera di commercio in via Mentana 27, a Pavia.

Mirabilia, infatti, promuove a 360 gradi un turismo culturale con tutte le sue declinazioni (cultura, prodotti tipici e Dieta Mediterranea, artigianato artistico locale), rivolto a italiani e stranieri alla ricerca di nuovi luoghi da scoprire e da amare, agli operatori del settore, ai tour operator, agli hotel, alle associazioni di categoria. Essere parte di un grande ‘brand’, quello di Mirabilia, significa investire in un prodotto turistico sostenibile, proporre ai viaggiatori italiani ed esteri la scoperta di un’altra Italia, quella meno conosciuta ma non per questo meno affascinante e suggestiva.