Conad chiude 2016 con vendite a quota 1,45 miliardi di euro

58

Si è chiuso con vendite a quota 1,45 miliardi di euro, in crescita del 3,5% sull’anno precedente, l’esercizio 2016 di Cia-Conad Commercianti Indipendenti Associati, cooperativa di dettaglianti aderenti al consorzio nazionale Conad che presidia i territori di Romagna nelle province di Forlì-Cesena, Ravenna, Rimini e San Marino; Marche, nelle province di Pesaro-Urbino e Ancona; Veneto, nelle province di Padova, Treviso, Venezia, Rovigo e Belluno e Friuli-Venezia-Giulia nelle province di Trieste, Pordenone, Gorizia e Udine. Il patrimonio netto, spiega una nota, si è attestato a 650 milioni di euro, mentre il valore aggiunto generato ha superato i 91 milioni mentre sono stati investiti circa 41 milioni per attività di consolidamento e sviluppo della rete e dell’azienda. Allo scorso 31 dicembre Commercianti Indipendenti Associati, una delle sette cooperative di dettaglianti del consorzio nazionale Conad, operava con 229 negozi articolati in quattro canali – Iper (3), Superstore (32), Conad (63) e City (131) – diffusi in Romagna e San Marino (142), Marche (39), Veneto (26) e Friuli Venezia Giulia (22). Nel proprio territorio Cia-Conad ha una presenza di mercato del 12,4%. La base sociale a dicembre 2016 era di 165 società, con 535 soci persone fisiche. Sono 6.500 complessivamente i lavoratori, tra cooperativa, società e negozi della rete. Per il futuro, viene spiegato, prosegue il piano di sviluppo 2017-19 con investimenti per oltre 250 milioni di euro: sono previste una ventina di nuove aperture oltre a ristrutturazioni totali e parziali. Il presidente Maurizio Pelliconi e l’amministratore delegato Luca Panzavolta presenteranno i dati di bilancio giovedì pomeriggio alla Fiera di Forlì nel corso dell’assemblea dei soci.