Concerti, Festa europea della Musica aperta dalla Scarlatti Junior

115

La Sala dei Baroni del Maschio Angioino,  luogo emblematico della comunità napoletana, ha accolto ieri sera (domenica 17 giugno) il concerto con cui gli oltre cento ragazzi dell’Orchestra Scarlatti Junior – il cuore giovane della Comunità di Orchestre animata dalla Nuova  Scarlatti – hanno inaugurato la Festa Europea della Musica 2018 promossa dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli; (doppio appuntamento, alle 18.30 e alle 20.00, per accogliere più pubblico possibile). “Protagonisti assoluti i giovanissimi” come ha ricordato il M.° Gaetano Russo, direttore artistico della Nuova Orchestra Scarlatti, “sia come ensemble sinfonico, sia come solisti”. Molto applauditi, infatti, Rosolino Mario Buccheri (appena 11 anni di età) nell’Allegro di un Concerto per flauto di Vivaldi,  Salvatore Morvillo, violino solista in  Kreisler, Giuseppe Di Crescenzo  nel Concertino per clarinetto e orchestra di Weber. E dopo il successo personale i solisti sono ritornati al loro posto in orchestra per il resto del programma: “cosa insolita, per non dire straordinaria” sottolinea il M.° Russo nel suo saluto al pubblico,  “ma per noi una regola, una scuola, e anche una risposta a questi tempi di crisi”. Nel concerto delle 18.30, accanto alla Junior, un’altra giovane compagine partenopea, quella dei Pueri Cantores della Malibran, per l’Hallelujah di Händel.
Altro giovanissimo protagonista della serata, l’appena tredicenne compositore Riccardo Iozzia Ambrosino di cui la Junior ha proposto in prima esecuzione una piccola Sinfonia inedita davvero densa e profonda. Crescendo di entusiasmo poi per le due coinvolgenti prove d’orchestra che chiudevano il programma, la Rhapsody in Blue di Gershwin e un trascinante Boléro di Ravel, con Gaetano Russo e Francesco Aliberti che si sono avvicendati al podio direttoriale.
Il doppio concerto ha coronato il laboratorio di formazione e attività orchestrale della Scarlatti Junior, che quest’anno si è avvalso anche del sostegno  della Fondazione Cannavaro Ferrara, da vari anni impegnata in importanti progetti sportivi, ricreativi, culturali per I ragazzi del nostro territorio.