Condizionatori: chi li installa può richiedere il bonus mobili o l’ecobonus

730

Secondo l’Agenzia delle Entrate, è possibile ottenere il bonus mobili anche per chi installa un condizionatore. Ci riferiamo ad un condizionatore a pompa di calore, che viene considerato a tutti gli effetti un vero impianto di climatizzazione sia per l’inverno che per l’estate. L’Agenzia delle Entrate ha spiegato che proprio in virtù di questa condizione, l’installazione di un condizionatore rientra fra quegli interventi di manutenzione straordinaria per i quali è possibile beneficiare di tutte le agevolazioni che rientrano all’interno del cosiddetto bonus ristrutturazioni. Ma vediamo di capirne di più a questo proposito.

Cosa ha detto nei dettagli l’Agenzia delle Entrate

Il riferimento che l’Agenzia delle Entrate ha fatto al bonus ristrutturazioni per l’installazione del climatizzatore è molto importante perché ti dà la possibilità di risparmiare sui prezzi dei condizionatori a Torino o in un’altra città italiana.

Infatti, secondo quanto è stato spiegato, acquistando e installando un condizionatore, puoi fare un investimento, i cui benefici economici possono ritornare anche nel tempo.

Tra l’altro l’Agenzia delle Entrate ha spiegato anche che per l’installazione di un condizionatore si avrebbe la possibilità di accedere anche all’ecobonus. Quindi con il bonus mobili puoi ottenere una detrazione del 50% della spesa che sostieni entro la fine di quest’anno. La detrazione viene ripartita in dieci quote annuali dello stesso importo.

In più, con l’ecobonus, ti spetterebbe anche una detrazione del 65% sulla spesa sostenuta, fino ad un massimo di una cifra pari a 30.000 euro.

Naturalmente non puoi richiedere il bonus mobili e l’ecobonus contemporaneamente, però puoi fare richiesta dell’agevolazione che ti sembra più corrispondente alle tue esigenze o che ritieni più interessante.

Come scegliere un condizionatore

Se decidi di riqualificare la tua casa attraverso l’installazione di un condizionatore, per il quale puoi usufruire anche delle detrazioni fiscali, sicuramente ti chiederai come fare la scelta giusta e come scegliere quindi il condizionatore che più possa fare al caso tuo.

Tieni conto di alcune caratteristiche fondamentali. Innanzitutto devi tenere conto delle classi di efficienza energetica, che indicano il consumo elettrico dell’apparecchio e che sono riportate nell’etichetta.

Ci sono anche dei climatizzatori che riportano delle importanti certificazioni, che possono garantire efficienza e risparmio. Naturalmente un altro fattore importante è rappresentato dalla capacità di raffreddamento, che può essere espressa in kW.

Se il valore è più alto, vuol dire che l’impianto è più potente. È vero pure che, più l’impianto è potente, maggiore può essere il consumo energetico. Ecco perché è importante scegliere una classe alta per poter risparmiare. Le classi più alte sono AA, A e B, che di solito utilizzano una tecnologia inverter.

Questa tecnologia è molto importante, perché fa in modo che, quando l’ambiente raggiunge la temperatura programmata, gli apparecchi non si spengono e continuano a funzionare per tenere stabili le condizioni di raffrescamento. Tutto ciò garantisce un duplice vantaggio: da un lato viene ridotta al minimo la potenza del motore e dall’altro è possibile evitare repentini cambiamenti di temperatura.

Verifica anche che il condizionatore da te scelto o che ti interessa di più abbia un timer e un termostato digitale. Sono degli strumenti molto importanti di cui il climatizzatore deve essere dotato, perché consentono di programmare l’accensione o lo spegnimento dell’apparecchio anche nei momenti in cui non si è presenti all’interno dell’abitazione.

Inoltre non dimenticare di stare attento alla rumorosità dell’apparecchio e ai fluidi refrigeranti. Su questo aspetto ti dobbiamo dire di non acquistare apparecchi che dopo pochi anni possono essere considerati anche fuori legge. I soli fluidi ammessi sono quelli che sono chiamati R134, R407C e R410A.

Tenendo conto di tutti questi fattori, puoi fare sicuramente la scelta giusta in vista del risparmio energetico e puoi ottenere anche le agevolazioni fiscali, migliorando il comfort abitativo della tua casa.