Confeserecenti su blitz anti contraffazione a Napoli: Segnale di riscatto

36
In foto Vincenzo Schiavo

Il presidente della Confesercenti di Napoli e Campania, Vincenzo Schiavo, elogia i protagonisti della lotta alla contraffazione dopo l’operazione che ha portato al sequestro di oltre cinquantamila pezzi falsi in via Bologna, nei pressi di Piazza Garibaldi da parte di agenti della U.O. Polizia Investigativa centrale . «La lotta alla contraffazione è uno dei punti focali del mio mandato anche come presidente Interprovinciale  (di Napoli, Benevento e Avellino) – avverte Schiavo – perché solo eliminando l’industria del falso, il contrabbando e l’abusivismo c’è garanzia di un rilancio dell’economia del nostro territorio. Per questo il mio plauso va al Comune di Napoli, all’assessore Alessandra Clemente, al comandante della Polizia Municipale Ciro Esposito e a tutti gli agenti che ogni giorno, con i pochi mezzi a disposizione, partecipano a questa battaglia. Le vittime della contraffazione sono innanzitutto gli imprenditori: se lo Stato fa il suo dovere, bloccando l’illegalità, si arginano spazi alla malavita, si limita il lavoro minorile e si riporta nei negozi l’economia. Con questi “colpi” all’industria del falso le aziende ristabiliscono anche un rapporto diretto con i consumatori. Lo Stato chiede molto, in termini di tasse, alle aziende, e per questo deve garantire tali servizi. Ecco perché – conclude Schiavo – rinnovo il mio plauso a chi, come il Comune di Napoli la Polizia Municipale, fa la loro rilevante parte in una lotta alla contraffazione sulla quale da anni invochiamo, urlando, la necessità di un intervento deciso».