Confimprenditori Avellino, Santoli: La sicurezza è un bene comune, il suo costo non può ricadere solo sulle Pmi

82
in foto Gerardo Santoli, presidente di Confimprenditori Avellino
“La sicurezza sul  lavoro è un bene comune, deve essere quindi considerata un investimento per l’intera collettività e non un costo. Per questa ragione ci pregiamo di chiedere la  defiscalizzazione dei costi per la sicurezza per le  piccole e medie imprese”. E’ quanto si legge in una lettera inviata da Gerardo Santoli, presidente di  Confimprenditori Avellino,  ad Andrea Orlando, ministro del lavoro e delle politiche sociali. “L’investimento in sicurezza – scrive Santoli – non può gravare solo sulle imprese, lo Stato deve contribuire e fare la sua parte.  Lo Stato dovrebbe dire che i costi sostenuti per la sicurezza sul lavoro  sono defiscalizzati.   Crediamo che investire in sicurezza da parte dello Stato, consentendo alle imprese  di detrarre dalle imposte i costi sostenuti, sia un dovere .  La sicurezza non deve essere più un onore e un costo ma un dovere e addirittura un piacere. Bisogna installare nelle imprese e nei lavoratori la consapevolezza che bisogna operare in sicurezza. Per fare questo occorre il contributo da parte dello Stato non solo dal punto di vista normativo e ispettivo. Funzionerà? non lo sappiamo, però toglieremo qualsiasi alibi a quelle imprese che oggi continuano a non operare in sicurezza perché, a loro dire, non hanno soldi a disposizione”.