Confindustria Benevento, con Open Lab asse imprese-scuola per l’inserimento lavorativo

72
in foto da sinistra Oreste Vigorito, Maria Gabriella Fedele, Gennaro Imbriano

Sono 32 le aziende presenti alla prima edizione del progetto “Open Lab” per incontrare gli studenti dell’Iti Lucarelli iscritti al V anno. Quattro gli indirizzi specialistici presentati alle imprese: Meccatronica ed Energia, Trasporti e logistica con output in Costruzione del mezzo, Informatica e Telecomunicazioni, Elettronica, Elettrotecnica ed Automazione, a cui fanno capo i laboratori didattici dell’Istituto.
L’iniziativa organizzata da Confindustria Benevento e Istituto Tecnico Industriale nasce con l’obiettivo di reperire tecnici in determinati settori emergenti.
“Abbiamo avviato già da qualche mese un percorso strutturato attraverso il quale cercare di favorire l’inserimento di giovani all’interno delle aziende del territorio – racconta Il presidente di Confindustria Benevento Oreste Vigorito -. L’incontro di oggi parte dalla conoscenza. È importante che i giovani abbiano consapevolezza di ciò che fanno e possano avere delle opportunità rispetto ai propri progetti e alle proprie inclinazioni. La presenza delle imprese è proprio diretta a favorire questo percorso e consentire ai giovani dell’industriale di diventare protagonisti dello sviluppo del Sannio”.
“Sono particolarmente soddisfatta di questa iniziativa in quanto si tratta di un sogno che si realizza – spiega la dirigente Maria Gabriella Fedele -, offriamo finalmente ai nostri studenti la possibilità di crearsi un futuro sul territorio mettendo le proprie competenze al servizio del sistema imprenditoriale che ha aderito in maniera massiva all’iniziativa mostrando sensibilità e attenzione ai giovani del territorio. Abbiamo strutturato all’interno dell’istituto degli indirizzi specifici che possano trovare un naturale sbocco nell’indotto delle imprese. Ringraziamo Confindustria Benevento per quest’attenzione e siamo pronti a fare la nostra parte per portare avanti oil percorso intrapreso”.
“Molte le misure operative messe in piedi da Anpal (Agenzia in house del Ministero del Lavoro) – ha raccontato Gennaro Imbriano di Anpal Servizi -. Gli strumenti prioritari sono l’apprendistato, l’incentivo Giovani under 36, l’incentivo donne e i tirocini curriculari. Si tratta di strumenti attraverso i quali realizzare politiche attive per favorire l’inserimento dei giovani nel contesto del mercato del lavoro. Il futuro, tuttavia, è quello della personalizzazione della formazione”.
La fase operativa dell’iniziativa si è strutturata attraverso la visita guidata nei 4 laboratori e l’organizzazione di un vero proprio career day che ha visto la realizzazione di incontri nei quali gli studenti del V anno si sono presentati agli imprenditori attraverso un percorso di conoscenza reciproco.