Confindustria Benevento, investire al Sud: la squadra di Liverini fa tappa in valle Telesina

99
in foto Filippo Liverini, presidente di Confindustria Benevento

Approda in valle Telesina il Progetto “Insieme: Confindustria Incontra il Territorio”, giunto al suo terzo appuntamento. Dopo la tappa del Fortore il 31 marzo e della Valle Caudina il 14 settembre 2017, è previsto a San Salvatore Telesino, presso l’Abbazia Benedettina del Santissimo Salvatore, il 22 marzo con inizio alle ore 15.30 il terzo appuntamento di “Insieme” con il quale Confindustria esce dai palazzi e incontra le imprese nei luoghi in cui si produce con l’obiettivo di raccontare le opportunità presenti sia in termini di investimenti sia in termini di strategie di sviluppo territoriale e raccogliere le istanze del sistema produttivo per colmare i gap ancora esistenti. Il tema centrale del 3° appuntamento è Investire al Sud: quanto conviene oggi investire, quali gli strumenti a sostegno delle imprese, quanto il clima di “accoglienza sociale e istituzionale” può incidere sulla buona riuscita dell’investimento “Per il terzo appuntamento del progetto Iinsieme, abbiamo scelto l’area Telesina, ricca di storia e di natura e sede di un’importante manifattura che la colloca tra quelle di maggiore espansione industriale della provincia di Benevento. Basti pensare che solo l’agglomerato industriale di San Salvatore Telesino che, ospita oltre 60 imprese – spiega Filippo Liverini, presidente di Confindustria Benevento – La valle telesina, infatti, esprime forti potenzialità grazie anche agli investimenti in infrastrutture già programmati, ed in fase di realizzazione, che la attraverseranno.
Mi riferisco al raddoppio della Telese-Caianello e all’alta velocità Napoli-Bari che renderanno la zona baricentrica conferendole la posizione di snodo strategico. La scelta localizzativa di molti stabilimenti è dipesa anche dall’importante azione svolta dall’amministrazione comunale molto attenta a promuovere lo sviluppo economico dell’agglomerato industriale e che ha saputo tramutare i fondi disponibili in servizi complementari allo sviluppo delle imprese. Tuttavia nonostante le forti potenzialità, molte delle aziende che insistono sull’area non sono ancora raggiunte dalla fibra, in un momento in cui l’innovazione e la trasformazione digitale rappresentano una delle leve che più di altre puo’ incidere sulla competitività del sistema produttivo. Abbiamo raccolto questa esigenza e lavoreremo, al fianco delle imprese, anche per raggiungere questo importante risultato”.