Confindustria Benevento, le imprese sannite puntano sull’export: successo per il roadshow Ice

76

Si è svolta a Benevento la tappa del Roadshow “Italia per le Imprese, con le PMI verso i mercati esteri”, un’occasione importante per confrontarsi nuovamente sui temi dell’internazionalizzazione.
L’ascolto del mondo imprenditoriale, il confronto con le istituzioni e il ruolo consulenziale – di accompagnamento e di affiancamento – svolto da Ice, Sace e Simest, puntano ad un gioco di squadra che può portare all’estero con successo anche piccole imprese, che diversamente incontrerebbero difficoltà nella fase di espansione.
La giornata si è aperta con l’introduzione a cura di Antonio Affinita, vice presidente Confindustria Benevento con delega all’Internazionalizzazione: “Confindustria Benevento crede che potenziare l’export rappresenti una importante opportunità per incidere sul PIL e sul fatturato. La nostra provincia ha forti potenzialità sull’export e i dati in costante crescita lo dimostrano. Ma la cosa che ci conforta di più è il fatto che i margini di crescita sono ampi. Noi siamo in campo per favorire questo processo. Per questa ragione siamo molto soddisfatti che Benevento sia stata scelta quale sede della terza tappa 2018 del Roadshow Ice”, ha dichiarato il dottor Affinita.
La panoramica sullo scenario internazionale è stata offerta da Claudio Colacurcio, Prometeia Specialist, che ha illustrato gli sviluppi del mercato globale anche alla luce dei più recenti avvenimenti.
“La diplomazia economica è sempre più al centro dell’attività della Farnesina, e per questo siamo impegnati a girare l’intero territorio italiano con l’obiettivo di far conoscere i servizi che offriamo ed incoraggiare gli imprenditori ad utilizzare il vasto potenziale della nostra Rete di Ambasciate e Consolati in tutto il mondo. Questi mettono infatti a disposizione delle aziende italiane un patrimonio strategico fatto di informazioni, analisi e contatti che possono essere determinanti per inserirsi nei mercati, specie quelli più complessi ed emergenti o più distanti dal punto di vista geografico e culturale” ha dichiarato Chiara Franco, Ufficio Internazionalizzazione delle Imprese del Ministero degli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale.
“Il Piano Straordinario per il Made in Italy ha funzionato e anche nel 2017, per il terzo anno consecutivo, si è registrato un nuovo record del fatturato export. Nello scenario complessivamente molto positivo, si segnala anche la buona performance delle imprese campane, capaci di esportare beni e servizi per circa 10,5 miliardi di euro nel 2017, con una crescita del 4% sull’anno precedente. Sono poi oltre 2.000 le PMI italiane (tra queste, 330 quelle campane) che stanno usufruendo della consulenza manageriale di temporary export manager (Tem), grazie ai voucher assegnati loro dal Ministero dello Sviluppo Economico. Le importanti risorse promozionali su cui anche per il 2018 potremo contare, ci consentono di non rallentare nello sforzo per sostenere le nostre PMI nel diventare ancora più protagoniste attive sui mercati globali, dando continuità ad una strategia promozionale di sistema che, con tutta evidenza, sta ottenendo importanti risultati”, ha dichiarato Paolo Bulleri, responsabile segreteria tecnica della Direzione Generale per le Politiche di Internazionalizzazione e la Promozione degli Scambi del Ministero dello Sviluppo Economico.
“Quella di Benevento è stata la 3^ tappa 2018 del Roadshow per l’internazionalizzazione, la 56^ del progetto voluto dal Ministero dello Sviluppo Economico e dal Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale e realizzato con la collaborazione di organizzazioni territoriali e di rappresentanza delle imprese italiane. Oltre 160 le imprese partecipanti a questo Roadshow – che ha visto Confindustria Benevento nel ruolo di partner prioritario – tra aziende di produzione, servizi, commercio ed intermediazione, che hanno potuto incontrare le organizzazioni presenti, consentendo ad agenzie come Ice, Sace e SIMEST di fornire aggiornamenti sugli strumenti pubblici e privati a sostegno dell’internazionalizzazione: servizi di assistenza, promozione, formazione, prodotti e servizi assicurativi e finanziari. Tra le aziende che hanno partecipato, i principali settori di appartenenza sono stati: agroalimentare e vini, edilizia, meccanica strumentale, tessile-abbigliamento e ambiente.
Ad oggi con l’iniziativa Roadshow abbiamo coinvolto oltre 7.700 aziende e organizzato più di 12.000 incontri con tutti i partner, 2.000 dei quali con Ice, che definisce con le aziende piani di formazione e assistenza personalizzati. I risultati sono positivi: nel solo 2017, il 94% delle aziende che si sono sedute ai tavoli Ice durante il Roadshow continua la relazione usufruendo di servizi dedicati all’internazionalizzazione, di formazione o di rIcerca di un partner estero”, ha dichiarato Francesco Alfonsi, dirigente Ufficio Servizi alle Imprese di Ice Agenzia.
“L’export è un fattore trainante per la crescita dell’economia campana, regione che nel 2017 ha registrato un aumento delle esportazioni del 4%. Sace e Simest supportano da sempre la crescita di imprese della Regione, offrendo una gamma completa di soluzioni assicurativo-finanziarie in settori quali l’agroalimentare, l’automotive, il settore navale ed il settore medico-sanitario”, ha dichiarato Carlo De Simone, Sace Simest, Gruppo Cdp, Servizio External Relations Simest.
Ampio spazio, dalle 11:00 alle 17:00, è stato riservato agli imprenditori che si sono avvalsi di incontri individuali con i rappresentanti delle organizzazioni pubbliche e private presenti, per approfondire le opportunità di internazionalizzazione ed elaborare una strategia di mercato personalizzata sulle proprie esigenze.
Il Roadshow “Italia per le Imprese, con le Pmi verso i mercati esteri” è patrocinato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ed è promosso e sostenuto dal Ministero dello Sviluppo Economico. Oltre all’Ice-Agenzia, a Sace e a Simest, l’evento si avvale della collaborazione di Confindustria, Unioncamere e di Rete Imprese Italia.