Confindustria Benevento, Liverini: Trend positivo per il Sannio, ora consolidiamo la crescita

161
In foto Filippo Liverini

“Appaiono incoraggianti i risultati emersi dall’analisi condotta dal centro studi Cerved e pubblicata dal magazine Industria Felix diretto dal giornalista Michele Montemurro”: lo dice il presidente di Confindustria Benevento Filippo Liverini in un intervento sul quotidiano “La Repubblica”.

Il numero uno della territoriale sannita cita alcuni dati dello studio che sarà presentato nella sua interezza il prossimo 2 maggio a Napoli nel corso della tappa campana del premio ‘Industria Felix – L’Italia che compete’. Dati di fatturato e addetti che appaiono “positivi per tutte le province: Napoli 48,3 miliardi (+12,7%) con 183.459 addetti (+6,6); Salerno 14,3 miliardi (+11,3) con 52.044 addetti (+8,6); Caserta 14,1 miliardi (+10,9) con 43.362 addetti (+5,9); Avellino 4,1 miliardi (+9,3) con 19.763 addetti (+12,3); Benevento 2,3 miliardi (+5,3) con 8.373 addetti (+3,4)”.

Il Premio, dice Liverini, “rappresenta il riconoscimento più grato all’inventiva, allo zelo e alla determinazione di chiunque abbia messo a disposizione la propria capacità di ‘costruire’ un’attività capace di dar frutti copiosi e redditizi (tale il significato dell’aggettivo “felix”) in termini di benessere sociale e di progresso economico”. La nota positiva è che “delle 50 imprese premiate in Campania ben 11 sono della provincia di Benevento”.

Tornando ai dati, il trend in crescita è confermato anche dal rapporto PMI Mezzogiorno pubblicato da Confindustria Nazionale da qualche settimana. Questo però “restituisce una immagine in due fotogrammi. Uno fino al 2017, in cui prevalgono le luci”, l’altro “più recente in cui i segnali di rallentamento iniziano a farsi più evidenti”.

Da qui l’impegno da parte della territoriale “a costruire un percorso di dialogo tra banche ed imprese lungo il quale poter strutturare un sistema economico duraturo”.

E a tal proposito il presidente di Confindustria Benevento cita “il servizio Bancopass, gratuito per gli iscritti, che supporta le imprese, in particolare quelle di piccole dimensioni nella pianificazione finanziaria e nell’accesso più veloce alle fonti di finanziamento”. Sarà presentato il prossimo 23 maggio.

Agli strumenti di incentivazione finanziari, conclude Liverini, “devono continuare ad affiancarsi meccanismi di incentivazione diretta degli investimenti, in particolare meccanismi automatici, più graditi alle imprese”. Tra questi il Credito d’Imposta per gli investimenti e l’avvio definitivo delle ZES.

L’articolo completo sull’edizione del 27 aprile 2019 del quotidiano “La Repubblica”.