Confindustria, Boccia: Dopo un anno il Governo ha capito che la crescita è decisiva. Primi passi importanti

477
In foto Vincenzo Boccia

Nel decreto del Governo sulla crescita “ci sono degli elementi importanti che riguardano il credito”. Lo ha detto il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, a Napoli per il convegno “Digitalisation sustainable footwear industry”. Secondo Boccia questo aspetto “non è un fatto marginale, ma – aggiunge – è evidente che questo è un primo passo verso quello che abbiamo chiamato un intervento organico di politica economica”.
“La dicitura salvo intese? Speriamo che si realizzi quanto prima in termini di intesa nel Consiglio dei ministri, altrimenti rimangono dei provvedimenti formalmente interessanti ma sostanzialmente poco spendibili”, ha detto ancora commentando il decreto. “Abbiamo posto la questione temporale – ricorda Boccia – quindi questi strumenti che il Governo ha indicato dovrebbero essere operativi quanto prima”. “Auspichiamo che lo sblocca cantieri sia un’operazione massiva – ha proseguito – sia dal punto di vista temporale che dal punto di vista di risorse, che sono già stanziate e che dovrebbero attivare i cantieri del paese, il che significa non subire rallentamento economico”. Insomma “anche il Governo dopo un anno in cui sembrava che la crescita nn fosse un fattore determinante, ha capito che senza crescita non crei ricchezza e non dividi alcunché”. “Senza la crescita – ha detto ancora- non hai neanche la serenità di puntare su altri aspetti. Dobbiamo puntare sulla crescita, fidelizzare gli investitori per fare in modo che la comunità delle imprese e degli imprenditori sia legata alla comunità locale. L’unità alla quale richiamo è ai fini della crescita che diventa precondizione per risolvere le grandi questioni del Paese”.