Confindustria Campania, firmata l’intesa per il Laboratorio Zero Robotics all’Istituto Augusto Righi di Napoli

118

L’8 febbraio 2021 si è svolta la conferenza stampa per la sottoscrizione di un protocollo d’intesa avente ad oggetto la realizzazione di uno specifico Laboratorio Zero Robotics presso l’Istituto Augusto Righi di Napoli per sostenere l’education campana nel mondo.

Zero Robotics è una competizione mondiale di robotica aerospaziale organizzata dal Mit di Boston in collaborazione con la Nasa, Aurora e altre agenzie aerospaziali. Lo storico istituto tecnico industriale napoletano partecipa dal 2013 alla competizione, qualificandosi ogni anno per la finale, vinta nel 2016. La nuova edizione della competizione comporta una fase progettuale che rende necessaria la disponibilità di un Laboratorio dedicato. Di qui il sostegno del mondo imprenditoriale.
“La nostra azione è finalizzata a migliorare l’intero sistema di relazioni tra mondo della formazione e realtà dell’impresa e del lavoro, con un orizzonte di respiro internazionale. Viviamo in un territorio pieno di eccellenze, come dimostrano anche i successi degli studenti del Righi” ha dichiarato Vito Grassi, Vice Presidente nazionale di Confindustria e Presidente di Confindustria Campania “Dobbiamo a maggior ragione fare molto di più per sviluppare strumenti che facilitano l’occupabilità dei giovani, come gli Its, la cui diffusione in Italia, e non solo in Campania, è ridottissima rispetto ad esperienze virtuose come la Germania”.

Firmatari dell’accordo, oltre a Confindustria Campania, il Righi e l’Ufficio scolastico regionale per la Campania rappresentato nell’occasione dal Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Campania, Luisa Franzese: “La crescita degli Its permetterà di qualificare ulteriormente i nostri istituti tecnici e professionali, che già vantano performance di alta qualità come quelle espresse dai giovani del Righi in un gara di alto prestigio internazionale“.

Presente anche il Dirigente Scolastico del Righi Giovanna Martano che ha ricordato che i primati dell’Istituto vanno oltre Zero Robotics: “Siamo primi per occupabilità a Napoli e provincia”.

Alla conferenza stampa sono intervenuti anche Fabio De Felice e Giovanni Lombardi, in rappresentanza delle aziende Protom e Tecno che, insieme alla Graded, sono state le prime ad aderire alla proposta di finanziare il Laboratorio Zero Robotics.