Confindustria Campania, a Napoli il primo Museo della Contraffazione d’Europa

64

Con la firma del comodato d’uso gratuito tra Camera di Commercio di Napoli ed il Museo del Vero e del Falso alcuni spazi camerali al secondo piano della sede storica dell’ente camerale di Piazza Borsa sono stati assegnati al Museo del Vero e del Falso per la realizzazione dell’innovativo progetto, primo in Europa, di un Museo anticontraffazione.
Il Mvf è promotore di un progetto di sensibilizzazione ed informazione sui danni derivanti dalla contraffazione al mercato del lavoro, all’economia, alla sicurezza dei consumatori.
L’idea progettuale nasce dalla collaborazione avviata tra il sistema delle imprese e le istituzioni competenti in materia quali l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, la Direzione Nazionale Antimafia, la Guardia di Finanza, la Procura della Repubblica di Napoli, la Direzione Marchi e Bevetti del Mise, la Stazione Sperimentale per l’Industria delle Pelli e le Materie Concianti e le Associazioni Confindustria Campania, Unione Industriali Napoli, Assocalzaturifici ed Unic.
L’obiettivo è dare vita, grazie a tali collaborazioni, ad un vero e proprio “Museo della Contraffazione – un luogo di denuncia permanente in un territorio “sensibile”, uno strumento di diffusione e valorizzazione della legalità, delle proprietà intellettuali e delle produzioni legali” dove saranno messi a confronto prodotti originali e fake.
I prodotti contraffatti, frutti di sequestri, saranno messi a disposizioni, temporaneamente, dalle forze dell’ordine.
Il Museo sarà visitabile, oltre che dagli alunni, da tutti coloro che vorranno verificare la differenza tra gli oggetti originali e quelli taroccati.