Confindustria Campania, vertice con De Luca e Lepore: al via la collaborazione

76

Il Consiglio di Presidenza di Confindustria Campania, guidato dal Presidente Costanzo Jannotti Pecci e con i Presidenti delle Confindustrie provinciali e di ANCE Campania, ha incontrato il Presidente Vincenzo De Luca, unitamente all’Assessore alle Attività Produttive Amedeo Lepore, per avviare un confronto sui temi principali che caratterizzano il quadro economico e produttivo della Regione e le strategie di sviluppo . 

Il Presidente Jannotti Pecci ha posto all’attenzione del Presidente De Luca alcuni dei temi prioritari tra quelli contenuti nell’articolato e ampio dossier predisposto per l’incontro. Il Presidente De Luca ha preso atto delle indicazioni di Confindustria Campania in ordine alle priorità da affrontare e ha espresso la sua sostanziale condivisione.

Il Presidente ha altresì proposto e si è reso disponibile disponibile a dar vita ad un sistema di relazioni e di consultazioni sistematiche con Confindustria Campania e, sul piano più strettamente operativo, ha sottolineato l’avvio – anche grazie agli accordi intercorsi con Unioncamere Campania – dello Sportello Unico Regionale per le Attività Produttive.

Su un tema di particolare importanza, quale è quello deli Consorzi delle Aree di Sviluppo Industriale – ASI – ha confermato l’esigenza di una completa rivisitazione del sistema. 

Il Presidente De Luca ha ricordato come, rispetto al ritardo ereditato in merito alla spesa dei fondi europei , l’attuale Amministrazione sia riuscita ad immettere circa 3 miliardi di euro di pagamenti in soli 18 mesi, avviando peraltro una significativa parte della nuova programmazione, come nel caso del Fondo rotativo destinato a finanziare i progetti dei Comuni, il cui primo Avviso ha già fatto registrare circa 200 progetti esecutivi per un ammontare di circa 1100 mln di euro di investimenti. 

Al riguardo il Presidente De Luca ha sottolineato alcune gravi criticità conseguenti l’entrata in vigore del nuovo Codice degli Appalti, che gli fanno presumere che l’apertura dei cantieri delle suddette opere non potrà avvenire prima del fine del 2018: sul punto si é condivisa l’opportunità di proporre una norma transitoria tesa a mitigare per almeno il primo anno i previsti impatti negativi.

Forte apprezzamento è stato espresso dagli Imprenditori per le misure di sostegno agli investimenti avviate dalla Regione Campania sul tema delle aree di crisi non complesse, delle zone economiche speciali e sui contratti di sviluppo, oltre che in altri ambiti riguardanti le attività produttive della Regione. 

Con riferimento ai Contratti di Sviluppo, in particolare, la Regione ha confermato l’inclusione del Turismo tra le filiere strategiche ai fini del cofinanziamento regionale e del rilancio dell’economia e dell’occupazione, nell’ambito della politica per fattori di sviluppo prescelta dalla Giunta Regionale. 

Infine, é stato condiviso l’obiettivo di finalizzare le risorse della programmazione 2014/20 per la risoluzione dei problemi strutturali del territorio: Mobilità e Trasporti, Ambiente (gestione rifiuti, bonifiche, impianti, gestione ciclo acque, completamento sistema depurazione), attività produttive, estensione banda larga e ultralarga su tutto il territorio regionale, rafforzamento delle filiere strategiche storicamente eccellenze regionali, valorizzazione dei grandi progetti di Area e riqualificazione urbana e ambientale.

L’incontro si è concluso con l’impegno reciproco di un dialogo strutturato con cadenza mensile al fine di consentire, da un lato, a Confindustria Campania di segnalare le eventuali problematiche riscontrate in rapporto alle azioni poste in essere dalla Regione, dall’altro, al Governo Regionale l’opportunità di fornire adeguati aggiornamenti sull’avanzamento delle iniziative e delle misure messe in campo.