Confindustria Caserta tra formazione, export e nuove opportunità: il bilancio della Piccola Industria

191

Sono state tante le attività svolte nell’ultimo anno dalla Piccola Industria, in piena sintonia con Piccola Industria Nazionale e con la volontà di favorire lo sviluppo delle piccole e medie imprese casertane sotto il profilo della formazione e delle nuove opportunità, con particolare attenzione rivolta all’internazionalizzazione, da sempre punto di forza del nostro sistema industriale.

Nello scorso novembre abbiamo aderito al percorso formativo denominato “Digital for Export – 2^ edizione”, destinato a 20 PMI, Consorzi, Reti d’impresa e ATI formalmente costituite e organizzato da ICE-Agenzia, in collaborazione con Confindustria Piccola Industria e Intesa Sanpaolo.

Un percorso molto utile per aprire le imprese italiane verso nuovi orizzonti, con l’obiettivo di accrescere il loro business e la competitività sui mercati esteri. “Digital for Export” è stata un’iniziativa coerente con Industria 4.0, il piano nazionale varato dal Governo per sostenere la “quarta rivoluzione industriale”: una serie di provvedimenti, incentivi, investimenti volti a portare la digitalizzazione in tutte le fasi dei processi produttivi dell’industria italiana.

Altro appuntamento molto interessante è stato il “Pmi Day”, organizzato da Piccola Industria in collaborazione con le Associazioni del sistema. Anche quest’anno ci sono state ben 1.100 aziende coinvolte e circa 42mila protagonisti delle visite e degli incontri dedicati a studenti e insegnanti delle scuole medie e superiori, ma aperti anche ad amministratori locali e giornalisti. L’obiettivo è stato quello di raccontare le imprese, il loro ruolo produttivo e sociale, mostrare come nasce un prodotto o un servizio, come un’idea si trasforma in progetto e la passione in risultato.

Non posso fare a meno di ricordare, poi, la missione a Calcutta in India dello scorso febbraio, che ha visto una delegazione di 19 imprenditori casertani, tra cui il sottoscritto in qualità di Presidente della Piccola Industria, partecipare al Bengal Global Business Summit, una delle rassegne di B2B più importanti del continente asiatico. E’ stata un’occasione molto utile per stabilire contatti con aziende di una delle aree che cresce più rapidamente a livello mondiale, puntando ancora una volta sull’internazionalizzazione.

E proprio a questo proposito va ricordata la partecipazione di una delegazione della Piccola Industria al “Business Meeting Roma 2019”, durante la quale abbiamo incontrato alcuni esponenti del panorama governativo e diplomatico della Tunisia. Il consolidamento dei rapporti bilaterali con alcuni Paesi, in special modo quelli che si affacciano sul Mediterraneo, costituisce un elemento di sviluppo irrinunciabile per le imprese del nostro territorio, caratterizzate da un elevato tasso di specializzazione e di competitività. Solo aprendosi ai mercati, infatti, le aziende potranno raccogliere e vincere le sfide che un mondo sempre più globalizzato ci propone quotidianamente.

Per quanto i prossimi mesi, intendiamo sostenere alcune iniziative promosse dalla Piccola Industria a livello nazionale, quali ad esempio “Digital for Export” (ancora una volta) e For Manager, un progetto di collaborazione per accelerare il processo di crescita manageriale delle PMI, fornendo un contributo in termini di competenze, aggiornamento e progettualità, estendendo al maggior numero di imprese modelli organizzativi efficienti, caratterizzati da buona governance, capitale umano esperto e, soprattutto, aggiornato.

Infine, intendiamo proporre il Premio “Eccellenze Casertane”, da attribuire a personalità della nostra provincia che si sono distinte a livello nazionale e internazionale, e la presentazione di alcune iniziative editoriali di particolare valenza a livello locale e nazionale.