Confindustria Caserta, imprese a sostegno della petizione “Più Alternanza. Più Formazione” di Federmeccanica

62

Confindustria Caserta, sostenendo la petizione “Più Alternanza. Più Formazione”, punta su fattori che generano un impatto reale sulla competitività del territorio. Obiettivo principale è creare opportunità formative per gli studenti e allo stesso tempo opportunità per le aziende; perché anche grazie agli studenti, le imprese diventano, coprotagoniste di un vero e proprio processo di innovazione della concezione stessa di apprendimento, dimostrando apertura al cambiamento e al futuro.
Dalle recenti indagini congiunturali di Federmeccanica è emerso che il 48% delle aziende associate al sistema ha bisogno di personale qualificato che non riesce a reperire sul mercato; allo stesso tempo c’è la necessità di aggiornare senza sosta le competenze delle persone già in azienda per gestire e non subire il cambiamento. Conoscenza, sapere e competenza sono, infatti, le infrastrutture immateriali fondamentali per un Paese 4.0.
Con la petizione di Federmeccanica si chiede al nostro Governo di mantenere (in particolare negli istituti tecnici e professionali) 400 ore di alternanza scuola-lavoro e continuare a garantire strumenti e dotazioni finanziarie necessarie. Riconoscere il credito di imposta per le spese fatte dalle aziende per l’alternanza e la formazione del personale funzionale a Industry 4.0».
L’industria metalmeccanica sul territorio casertano (alla luce delle nuove soluzioni tecnologiche nella grande industria manifatturiera in termini di robotica e automazione) riveste un ruolo rilevante sia dal punto di vista quantitativo in termini di occupazione, valore aggiunto e scambi internazionali che strategico, per lo sviluppo di tecnologie chiave per le fabbriche intelligenti del futuro.
“Il progetto Alternanza scuola lavoro – ha spiegato Daniela Fucito, presidente della Sezione metalmeccanica di Confindustria Caserta – contribuisce alla diffusione di nuovi modelli di interazione con le imprese, per un potenziamento culturale e sociale dell’intera filiera tecnica e professionale. L’alternanza è un’occasione formativa per gli studenti e, allo stesso tempo, un’opportunità per le aziende; insieme agli studenti le imprese diventano coprotagoniste di un vero e proprio processo di innovazione della concezione stessa di apprendimento, dimostrando apertura al cambiamento e al futuro. Perché un’azienda non può essere competitiva se non lo è anche il territorio in cui opera.
Il nostro impegno è indirizzato a far conoscere le realtà industriali del territorio e trasmettere agli studenti l’importanza di una formazione tecnica specifica; testimonianza la grande partecipazione di Confindustria Caserta al PMI Day (dieci aziende casertane hanno ospitato più di 100 studenti di diverse scuole della provincia) e al progetto Eureka funziona (che mira a sviluppare, sin dalla scuola primaria, le attività di orientamento alla cultura tecnica e scientifica, come già avviene in numerosi Paesi europei, quali Finlandia, Germania, Francia e Olanda)”.
Nel nostro Paese l’industria metalmeccanica occupa circa 1.600.000 addetti risultando così la seconda in Europa dopo la Germania; produce ricchezza (misurata con il valore aggiunto) per circa 100 miliardi di euro ed esporta beni per 200 miliardi, che rappresentano quasi la metà del fatturato settoriale.