Confindustria Caserta, terzo appuntamento con la Cultura: ecco Lidia Luberto e il suo “Miriam Mafai”

92

Confindustria Caserta Cultura è un percorso di appuntamenti culturali con artisti, studiosi e pensatori legati al territorio casertano; dopo la presentazione del libro “Matilde Serao, ‘a signora” curato da Nadia Verdile e quello di Gianni Solino “Il Cratere. Che fine fanno i ragazzi di camorra”, venerdì scorso è stato il turno di Lidia Luberto di presentare “Miriam Mafai”, il volume dedicato alla giornalista e scrittrice.
Dopo i saluti introduttivi del Presidente di Confindustria Caserta Gianluigi Traettino, ha dialogato con l’autrice il giornalista Francesco De Core. Le letture di alcuni passi del volume sono state riservate a Piera de Cesare.
Miriam Mafai (Firenze, 2 febbraio 1926 – Roma, 9 aprile 2012), aderì al partito comunista italiano nel 1943, partecipando alla Resistenza; cronista parlamentare dell’Unità, ha poi diretto il settimanale Noi donne; collaboratrice di Paese Sera e della Repubblica, è stata presidente della Federazione nazionale della stampa italiana.
Lidia Luberto, nata a Carinola, vive a Caserta. Docente di Lettere, come giornalista ha collaborato con riviste, emittenti locali e periodici; ha firmato per i quotidiani “Il Giornale di Napoli”, “Il Roma”, “Il Corriere del Mezzogiorno” per i quali si è occupata di temi di carattere sociale e culturale, di problemi legati alla tutela dei beni artistici e architettonici, nonché di questioni relative alla condizione femminile. Attualmente collabora con il quotidiano “Il Mattino”. È co-fondatrice e animatrice del Premio giornalistico nazionale “Matilde Serao”.
Il libro è un tributo a Miriam Mafai, giornalista a tutto tondo, donna della politica, delle istituzioni e al tempo stesso della libertà; “Italiane” è una collana dedicata all’universo femminile italiano, per conoscere e scoprire le donne che nei secoli hanno fatto grande l’Italia, ciascuna per la sua parte, ciascuna con una parte.
“Con questo ciclo di incontri che proseguirà con ulteriori iniziative, Confindustria Caserta – ha dichiarato il presidente Traettino – intende partecipare alla vita culturale della provincia contribuendo a far conoscere al pubblico di Terra di Lavoro autori, spesso appartenenti al Territorio, di pregevoli scritti e testimonianze di rara qualità”.