Confindustria Salerno, 4° edizione del Premio Young Factory Design: vince il progetto Dandy di Marlisa Marasco

111
in foto il progetto Dandy di Marlisa Marasco

Si è svolta oggi la premiazione dei progetti vincitori della 4° edizione del contest Young Factory Design, organizzato dal Gruppo Design Tessile Sistema Casa di Confindustria Salerno, indirizzato ad architetti, designer, progettisti, esperti in comunicazione e studenti. “Quattordici aziende campane – si legge in una nota di Confindustria Salerno – hanno lanciato le loro sfide per stimolare la ricerca di soluzioni innovative e favorire l’interazione con professionisti del mondo del design e della comunicazione. Tre le categorie per le quali sono stati presentati i 110 progetti in gara: Design per l’abitare, Graphic Design, Exhibition design”.
La giuria, costituita Biancamaria Sant’Angelo (nabi.interiordesign); Antonio Catalani (professore presso SDA Bocconi, Iulm, Cattolica); Andrea Jandoli (presidente ADI Campania); Giovanni Zuccon, fondatore di Zuccon (International Projects) e Barbara Minetto, (vice Presidente di Assarredo-FederlegnoArredo) ha decretato vincitore il progetto Dandy di Marlisa Marasco (categoria design per l’abitare, call dell’azienda Hebanon Fratelli Basile – 1830).
“Quest’anno più che mai il contest ha voluto guardare in avanti – sottolinea Elisa Prete, presidente del Gruppo Design Tessile Sistema Casa di Confindustria Salerno – verso un futuro in cui tecnologia, materiali e prodotti sempre più umani plasmeranno il mondo che ci circonda e in cui il benessere dell’individuo sarà al primo posto. Anche in questa edizione abbiamo fatto incontrare designer provenienti da tutto il mondo con aziende salernitane. Da questa contaminazione siamo certi che, come già avvento in passato, nasceranno proficue interazioni che consentiranno alle aziende e ai designer di crescere e di fare un pezzo di strada insieme”.
«Nel contesto attuale, mutevole e multidisciplinare – evidenzia Stefania Rinaldi, vice presidente di Confindustria Salerno – il design è divenuto un lavoro di sintesi e squadra che consente alle imprese di affrontare efficacemente i costi, di accrescere la consapevolezza e i livelli di sostenibilità, l’impatto economico e la qualità di beni e servizi. Collaborare con un designer significa per le aziende sapere gestire le complessità in modo diverso, interpretando al meglio il qui e ora ma anche il domani. L’industria manifatturiera, mai come in questo momento storico, ne ha assoluto bisogno per immaginare il futuro”.

Il progetto vincitore
“Dandy – si legge nella moticazione del premio – è un arredo bifacciale da un lato vetrina/credenza che funge da supporto per l’operatività in cucina/living, dall’altro libreria/scrittoio. Un arredo studiato per le attuali e diffuse esigenze di smart working, che valorizza appieno la lavorazione artigianale dell’azienda Hebanon. A idearlo è Marlisa Marasco, classe 1990, architetta di Catanzaro. Dopo essersi laureata all’Università “G. d’Annunzio” di Pescara, ha frequentato il Master in Interior and Living Design alla Domus Academy di Milano. Ha all’attivo collaborazioni con prestigiosi studi di Architettura”.

Le menzioni
· Lekonis, profumatore d’ambiente/portagione di Mario Meola (per ICS Future Village)
· Nassa, Étagère Modulare Componibile di Domenico Paolo Nunziata e Giuseppe Rossano – Ethnos Design (per Lamberti Design)
· Herbarium, collezione di rivestimenti ceramici di Roberto Rago (per Ceramica Artistica Giovanni De Maio)
· IN–Recordering, calendario da scrivania e portacellulare di Giuseppe Giannini (per InCoerenze)
· Aris, gioco per bambini di Johan Kelly Ramirez Maestre (per MTPlex)
· Manifesto Tessile, spazio espositivo di Salvatore Nuccio e Carmine Ruggiero (per MTP – Manifatture Tessili Prete;)

Le aziende promotrici
Ceramica Artistica Giovanni De Maio
Cianciullo Marmi
Ciesse Cucine
Hebanon Fratelli Basile – 1830
ICS Future Village
InCoerenze
Lamberti Design
Marine Leather
MgrGroup
Mtp – Manifatture Tessili Prete
MTplex
RE AD
Rinaldi Group
Tekla Porte e Finestre