Confindustria Salerno, Medere vince la XV edizione del Premio Best Practices per l’Innovazione

89

Una due giorni dedicata all’innovazione tecnologica alla Stazione Marittima di Salerno con la XV edizione del Premio Best Practices, che, oltre ai riconoscimenti assegnati alle aziende, start up e spin off, ha ospitato momenti importanti di talk e dibattiti. L’iniziativa è stata organizzata da Confindustria Salerno, in collaborazione con la Camera di Commercio di Salerno.

Circa 100 i progetti che la giuria ha dovuto valutare, approvandone 70, per rispetto dei criteri indicati per la partecipazione e tre le categorie del premio: “Tecnologie abilitanti 4.0 applicate al settore e filiera turistico/beni culturali” (innovazioni tecnologiche 4.0), “Digitalizzazione” (innovazioni di processo) e “Agrotech” (innovazioni di settore).

Oltre 100 persone hanno seguito l’evento in maniera continuativa tra presenza fisica e live streaming (facebook, youtube, e sito web), oltre 50 mila persone raggiunte nella 2 giorni dalle piattaforme social, oltre 2000 visitatori unici al sito web e 5 tavole rotonde con ospiti nazionali.

“Dopo più di un anno di fermo per molti settori industriali e dei servizi – ha sottolineato Francesco Serravalle – Presidente Gruppo Servizi Innovativi e Tecnologici Confindustria Salerno – il Premio Best Practices per l’innovazione testimonia che l’economia è pronta a ripartire ma soprattutto è ben ancorata a driver di sviluppo importanti quali l’innovazione e la digitalizzazione e che aziende e start up dialogano tra loro per essere sempre più competitive sui mercati. Un segnale importante che da Salerno arriva in tutta Italia.”

Il vincitore della XV° edizione del Premio Best Practices per l’innovazione è Medere Srl (Roma) che ha sviluppato e brevettato un processo innovativo per la realizzazione di plantari su misura in modo rapido, economico, eco-friendly e con una particolare attenzione all’esperienza dell’utente finale. Categoria di concorso: digitalizzazione.

Per la categoria di concorso tecnologie abilitanti 4.0 nel settore turismo e beni culturali il riconoscimento è stato assegnato a The Data Appeal Company Spa (Firenze) con il progetto Data Appeal Studio, la prima piattaforma di analisi territoriale che raccoglie e analizza in tempo reale tutti i dati – qualitativi e quantitativi – in merito a qualsiasi luogo di interesse: da una singola strada a un intero Paese

Per la Categoria di concorso Agrotech il riconoscimento è stato assegnato a Bluetentacles (Bolzano) che ha sviluppato una soluzione di gestione intelligente dell’irrigazione dei terreni che determina ed esegue il miglior programma di irrigazione possibile in base ad un monitoraggio in tempo reale delle condizioni climatico ambientali.

A consegnare i premi Antonio Ferraioli, presidente di Confindustria Salerno, Andrea Prete, presidente della Camera di Commercio di Salerno, Francesco Serravalle, presidente del Gruppo Servizi innovativi e tecnologici di Confindustria Salerno insieme con Felice Delle Femine, direttore generale della Banca di Credito popolare.

Alcuni partner del Premio hanno selezionato progetti ritenuti in linea con il proprio business.

Tim ha premiato tre aziende: Espace Elab Srls (Aosta) il cui progetto prevede l’utilizzo del collare per monitorare lo stato di benessere delle bovine da latte permettendo di ricavare dati oggettivi su come l’ambiente esterno influenza lo stato di benessere dell’animale di un ristretto numero di capi facilmente controllabile e quindi direttamente verificabile. Grazie alla mole e alla tipologia di dati raccolti (ambientali e biometrici), è possibile implementare un sistema di tracciabilità ambientale e di qualità dei prodotti derivati dall’allevamento, sia che si tratti di carne che di latte (Categoria di concorso: Agrotech). The Data Appeal Company SPA (Firenze) con il progetto Data Appeal Studio, la prima piattaforma di analisi territoriale che raccoglie e analizza in tempo reale tutti i dati, qualitativi e quantitativi, in merito a qualsiasi luogo di interesse: da una singola strada a un intero Paese (Categoria di concorso: tecnologie abilitanti 4.0 nel settore turismo e beni culturali). Dinja Srl (Bari) con il progetto Priceflow™ un sistema innovativo di Dynamic Pricing E-commerce che, basandosi su diverse informazioni e sfruttando algoritmi di Artificial Intelligence, suggerisce ed applica un prezzo candidato per ogni singolo articolo (Categoria di concorso: digitalizzazione).

Banca Sella ha scelto Voix s.r.l. (san Marzano sul Sarno (SA)con il progetto Calton che consente di raccogliere ed analizzare dati testuali in maniera semplice e veloce, riducendo costi e tempi fino al 70% e consentendo anche alle aziende che non hanno un team tecnico dedicato, di monitorare ed analizzare la Customer Experience. Categoria di concorso: digitalizzazione

Sellalab e Dpixel hanno premiato Aryel srl (Milano), una piattaforma SaaS no-code che abilita freelance, PMI e agenzie a creare esperienze di Realtà Aumentata (AR) in pochi minuti, via drag and drop e condivisibili con un semplice link. Categoria di concorso: digitalizzazione

Prestigiosi e importanti i talk della due giorni: “Finanza per l’innovazione”, con Susanna Zuccarini, Incentivi e Innovazione Invitalia, Fausto Salvati, direttore generale di Banca Campania Centro, Francesco Chianese, Banca di Credito Popolare, Pierluigi Pastore, vice presidente delegato al Credito Confindustria Salerno; “Il meglio dell’imprenditorialità per far crescere la PA”, con Vincenzo Di Nicola, responsabile trasformazione digitale INPS; “Innovazioni per la valorizzazione della cultura”, con Francesco Sirano, direttore generale Parco Archeologico di Ercolano, Massimo De Santo, Centro ICT Università degli Studi di Salerno, Mario Casillo, consigliere Regione Campania delegato alla digitalizzazione e ICT; “Il ruolo degli ecosistemi d’innovazione nei modelli Open Innovation”, con Attilio Somma, Communication, Events & Vertical Solutions Noovle, Laura Fineo, responsabile Marketing Banca Sella, Ruggero Recchioni, responsabile Open Innovation Terna Spa, Edoardo Imperiale, direttore generale Campania DIH, Roberto Parente, referente Student enterpreneuship Università degli Studi di Salerno, Francesco Serravalle, presidente Gruppo Servizi Innovativi e Tecnologici Confindustria Salerno; “Investire in digitale. Le strategie delle imprese per creare valore”, con Marco Gambardella, vice presidente Confindustria Salerno con delega alle Start up e al Digitale, Marco Gay, vice presidente Confindustria Digitale, Francesca Perrone, responsabile WEU Start Lab & Development Programs Unicredit, Paola Olivares, direttrice Osservatorio Digital B2b Osservatori Digital Innovation Politecnico di Milano, Giuseppe Rinaldi, Ad Isolkappa; “Agrotech: le tecnologie a servizio dello sviluppo del settore”, con Alex Giordano, direttore scientifico PIDMed, Chiara Corbo, direttrice Osservatorio Smart Agrifood Osservatori Digital Innovation Politecnico di Milano, Alvise Biffi, presidente Piccola Industria Confindustria Lombardia; “Verso la Campania del futuro. Sostenibile, innovativa, aperta” con Valeria Fascione, assessore Ricerca, Innovazione e Start up Regione Campania.