Confindustria-sindacati: nasce in Fabbrica il Patto del futuro

148

Se non ci fosse un governo da nominare all’indomani di una delle campagne elettorali più pazze del mondo con un esito da rebus e con pezzi che a occhio non s’incastrano ma che alla fine in qualche modo dovranno andare al loro posto, la notizia della firma del documento che riforma i rapporti tra Confindustria e sindacati – il cosiddetto Patto della Fabbrica – sarebbe di gran lunga la più importante degli ultimi anni.
Sì, perché mentre le forze politiche stentano a trovare una cornice condivisa dentro la quale operare le dovute alchimie (sforzo che toccherà di compiere al Capo dello Stato), le parti sociali scrivono e sottoscrivono una nuova e decisiva pagina nel corposo libro delle relazioni industriali per affermare una volta per tutte che si passa dal conflitto alla collaborazione riconoscendo alle imprese lo stato di patrimonio comune e motore di crescita.
È un passo in avanti gigantesco, impensabile fino a un paio di anni fa quando si cominciò ad affacciare una nuova visione della fabbrica e della società che mettesse al centro le persone e la loro voglia di progredire. Certo, l’evoluzione tecnologica ha avuto i suoi meriti (in particolare la trasformazione digitale dovuta all’applicazione dei dettati di Industria 4.0) ma la capacità dei protagonisti è stata superiore alle aspettative.
L’esperienza, quella della contrattazione italiana in particolare, insegna che le strade del rinnovamento sono lastricate di buone intenzioni ma raramente portano a qualcosa. C’è sempre un intoppo, un imprevisto, un ripensamento che mette fine ai migliori propositi e consiglia di lasciate tutto com’è. Motivo per il quale il riformismo da queste parti è visto con il sospetto che non merita. Far saltare il tavolo è più facile e popolare.
Questa volta no. Vincenzo Boccia per Confindustria, Susanna Camusso per la Cgil, Anna Maria Furlan per la Cisl, Rosario Barbagallo per la Uil – anche grazie al paziente lavoro dei rispettivi negoziatori – hanno saputo superare gli ostacoli che ingombravano il loro cammino con una tenacia raramente sperimentata prima d’ora. Segno che quando gli obiettivi si vogliono davvero raggiungere è possibile anche ion situazioni difficili.
Ed è un segnale di comportamento responsabile: sempre invocato – basta seguire la cronaca politica di questi giorni per averne un’idea – ma praticato con grande difficoltà e quasi sempre come estrema ratio. Confindustria e sindacati hanno attinto alle riserve della loro autonomia per cambiare corso senza condizionamenti esterni. Cercando al proprio interno le ragioni dell’unità evitando così intromissioni e possibili condizionamenti.
Al centro dell’accordo c’è la consapevolezza di dover costruire un sistema industriale più competitivo e che sappia trasferire all’intero Paese l’urgenza di modificare priorità e comportamenti. Trasferendo più potere alla contrattazione decentrata – territoriale e aziendale – si afferma il principio che al necessario incremento della produttività deve collegarsi l’aumento dei salari saldando gli interessi dell’impresa e dei suoi lavoratori.

Accordo di Confindustria con i sindacati – Scarica il documento