Confsal sfida i sindacati confederali: primo maggio in piazza Plebiscito

163

“Dopo il successo registrato lo scorso anno, con una grandissima affluenza di partecipanti giunti da tutta Italia – con pullman, auto, aerei, navi e treni freccia rossa dedicati – la Confsal, quarta Confederazione sindacale italiana, quella autonoma, anche questo primo maggio celebrerà la Festa dei Lavoratori nella storica piazza del Plebiscito di Napoli, rompendo il monopolio a lungo detenuto dalla triplice sindacale”. Così una nota. Si rinnova quindi la ‘sfida’ a distanza tra la piazza confederale e la piazza della Confsal che, si legge ancora nel comunicato, “a detta di tutti i mezzi di informazione, si aggiudicò ampiamente il ‘duello’ 2018. “L’intenzione- spiega il segretario generale Angelo Raffaele Margiotta- è di fare il bis, tenendo ben presente che la vera sfida non si combatte a colpi di manifestanti, ma con l’impegno quotidiano, con l’attenzione costante alle nuove esigenze dei lavoratori in un mondo in continua evoluzione e con la convinzione che il sindacato autonomo, che si ispira da sempre ai principi dell’indipendenza e del pluralismo, sia la risposta giusta in questa delicata fase politico-economica del Paese. La scelta di manifestare a Napoli è chiaramente simbolica: significa avere ben presente che la rinascita del Mezzogiorno è una sfida che riguarda la crescita economica dell’intero Paese. Avevamo riposto grandi speranze nel governo del cambiamento- prosegue Margiotta- ma purtroppo buona parte di esse è andata delusa”.
La manifestazione dell’1 Maggio sarà l’occasione per ribadire la necessità di un nuovo Patto sociale per lo sviluppo, per la valorizzazione del Lavoro pubblico e privato, per la crescita economica e la ripartenza dell’occupazione, attraverso politiche del lavoro a misura della persona e politiche economiche a misura dell’impresa, a partire da un concetto d’Europa solidale. Esso richiede un’assunzione di responsabilità da parte di tutti gli attori del sistema Paese (governo, istituzioni e parti sociali) e cittadini. Quindi, spiega sempre la nota della Confsal, un Patto del lavoro fondato su una contrattazione collettiva di qualità, come leva strategica per eliminare qualsiasi forma di dumpingcontrattuale e assicurare un salario minimo garantito nella misura stabilita dai Ccnl di riferimento. L’incremento del salario netto nel pubblico e privato impiego andrà perseguito attraverso la revisione delle aliquote fiscali. I giovani saranno protagonisti della prima parte della giornata, lo scorso anno sul tema ‘I giovani nel futuro occupazionale’, quest’anno su ‘Destinazione lavoro, verso una nuova prospettiva’. “Le nuove leve del sindacato- conclude il comunicato- affrontano due grandi questioni: il confine tra etica ed economia e il passaggio generazionale tra la solidarietà dei lavoratori e la condivisione del lavoro nella nuova era dell’intelligenza artificiale”.