Consac: Il ritardo nella consegna delle bollette? Ne risponderà il consorzio che se ne occupa

32

La Consac (società che gestisce il servizio idrico integrato per 55 Comuni del Cilento – Vallo di Diano) interviene con una nota per fare chiarezza sulle polemiche sollevate da alcuni esponenti politici di Castellabate sui ritardi nella consegna delle bollette e sulle penali da ritardato pagamento.
Innanzitutto, spiega, “il servizio di stampa, imbustamento e recapito delle bollette è esternalizzato (sino ad aprile era affidato a Poste Italiane, da maggio ad un raggruppamento temporaneo di imprese con capofila Fulmine Group)”e, dopo primi reclami giunti sul ritardo delle consegne, “ha formalmente chiesto specifiche al fornitore. Qualora accertati gli eventuali ritardi, al fornitore del servizio verranno applicate le penali previste contrattualmente e posticipata la data di scadenza della bolletta agli utenti finali, per il ricalcolo di interessi e penali da ritardato pagamento”. In secondo luogo fa presente che “i vettori postali lamentano comunque l’assenza di uno stradario aggiornato di Castellabate” e precisa (terzo punto) che “la Consac offre anche il servizio di invio bolletta a mezzo mail, del tutto gratuito e sicuro (la bolletta è spedita circa 1 mese prima dalla scadenza). Poche però le adesioni, nonostante le numerose campagne informative adottate”. Nel quarto punto, viene ricordato che “penali ed interessi sono sanciti dal regolamento in vigore, che sarà comunque oggetto di rivisitazione in un futuro non molto lontano”. Al quinto punto si afferma ce “nel periodo emergenziale, soprattutto il primo lockdown, Consac ha garantito la continuità e disponibilità dei servizi in condizioni di tutta sicurezza, con attenzione speciale per strutture sanitarie, assistenziali, di supporto logistico a protezione civile e servizi di pubblica utilità, nonché per tutte le utenze per le quali già esistono specifiche previsione normative e regolatorie che sono legate in modo vitale alla fornitura di acqua (utenze classificate come non disalimentabili)”. Sempre Consac, continua la nota, “ha adottato forme di agevolazioni che vanno oltre a quelle prescritte dall’Arera, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, nei confronti dell’utente finale”. Infine, al sesto punto della nota, si rileva che “ad ogni buon conto va necessariamente evidenziato come il flusso di cassa derivante dai corrispettivi all’utenza finale sia l’unica fonte che consente l’operatività all’azienda. E dunque sussistono obblighi dai quali Consac non può derogare per poter garantire i livelli minimi di servizio sull’intero territorio gestito”.