Il nuovo console ad Hong Kong punta a un accordo con le Zes campane

22
In foto Clemente Contestabile
42enne, giovane diplomatico originario di Torella del Sannio (Campobasso), da pochi giorni nuovo Console Generale agli Italiani residenti a Hong Kong e Macao: si tratta di Clemente Contestabile.  ”Cari Connazionali di Hong Kong e Macao, – inizia così il saluto del diplomatico molisano – sono arrivato da pochi giorni e desidero presentarmi e salutarvi. Sono entusiasta di svolgere l’incarico di Console Generale in una città tanto dinamica, al servizio di una comunità storica e molto attiva nella vita economica, finanziaria, culturale, sociale e religiosa di Hong Kong e Macao. La presenza italiana nelle due Regioni è solida e in continua espansione: oltre alle attività imprenditoriali, sono numerose le associazioni e le iniziative che vedono gli Italiani protagonisti.
Il Consolato Generale è al vostro servizio.  Lavoreremo per garantirvi servizi consolari efficienti e moderni, segnalando man mano, attraverso i canali di comunicazione del Consolato Generale, alcune novità che introdurremo nelle procedure”.
Non e’ solo un successo molisano quello che riguarda i rapporti con Hong Kong ma anche della Campania , se pensiamo che l’Autorita’  del Mar Tirreno Centrale ha promosso, d’intesa con l’International Propeller Clubs, un incontro con Benjamin Wong, Responsabile del Dipartimento dei Trasporti e dell’Industria di Invest Hong Kong, struttura del Ministero dell’Economia. L’incontro continua il dialogo già avviato con il governo di Hong Kong nel corso della visita organizzata in Asia dal Propeller Club nella scorsa primavera. Il confronto, che si è tenuto nella sala riunioni dell’AdSP, ha visto la partecipazione di una significativa rappresentanza del cluster marittimo partenopeo ed ha avuto come scopo gettare le basi per una più stretta collaborazione tra il sistema portuale campano e l’amministrazione di Hong Kong. L’istituzione della Zona Economica Speciale della Campania punterà a sviluppare non solo l’economia del territorio ma aprire a nuovi investitori e di individuare con realtà, dove già esistono da anni le ZES, i punti di contatto, le iniziative da intraprendere per accrescere l’economia e l’occupazione. Hong Kong è tra le città asiatiche quella più internazionale e “disponibile” a collaborare per supportare lo sviluppo di Napoli, di Salerno e della Campania. “Una città – ha ricordato Riccardo Fuochi, presidente del Propeller Club di Milano – che ha fatto della logistica il fulcro del proprio sviluppo e soprattutto del settore marittimo”. Bisogna però, lavorare ad una strategia di medio periodo per dare continuità ad incontri che possono aprire opportunità alla nostra portualità, ma in generale al sistema economico del territorio regionale.