Il console Bruno a Monaco per la Giornata della Cultura Italiana

30
In foto Mariano Bruno, console del Principato di Monaco a Napoli
Il Consolato di Monaco a Napoli con Console Onorario Mariano Bruno , annuncia per il 19 settembre  la Giornata della Cultura Italiana nel Principato di Monaco. Il Comitato monegasco della Società Dante Alighieri invita a non mancare all’evento, che si terrà dalle ore 18.30 presso il Tunnel Riva, luogo simbolo del Made in Italy. La Giornata della cultura italiana è una manifestazione che si svolge tutti gli anni a celebrazione del mondo Dante in tutti i Comitati nazionali ed esteri.
Durante la serata di Monaco saranno presentati gli eventi della prossima stagione culturale dell’Associazione. Ad aprire la serata sarà il presidente Giuseppe Sarno in presenza dell’ambasciatore Cristiano Gallo. La Dante – sottolinea il Comitato di Monaco –  si lascia alle spalle una stagione davvero straordinaria, per numero assoluto di presenze e per percentuale di occupazione delle sale. Ricomincia con rinnovato entusiasmo, motivato anche dai positivi riscontri per la passata programmazione.
La direttrice Grazia Soffici, darà in anteprima delle anticipazioni su la nuova Stagione Culturale 2018/2019 che si svilupperà sul tema “L’immagine nella parola, nella musica e nella pittura: un indissolubile legame”. Un programma composto da una serie di eventi che, in ordine sparso, spazieranno dall’arte contemporanea al teatro; dalla storia all’alta cucina italiana; dal Rinascimento alla musica e che celebrerà vari importanti anniversari da Rossini alla Grande Guerra; da Leonardo a Simone Martini.
La Giornata sarà inframmezzata da un interludio per pianoforte, flauto e violoncello: “La Parola signora della Musica: preludi d’opera” con Andrea Albertini al pianoforte, al Violoncello Sara Airoldi e al flauto Elisa Parodi. Un cocktail concluderà la serata. Andrea Albertini e’ sempre  più spesso presente nel Principato di Monaco come solista o come direttore d’orchestra di gruppi musicali da lui creati (come le Muse o i Dodecacellos), Andrea Albertini si diploma in pianoforte presso il conservatorio “N. Paganini” di Genova. Compositore, direttore d’orchestra e di coro ha diretto e partecipato alla realizzazione di diverse opere liriche e concerti  con importanti solisti  per prestigiose sedi in Italia e all’estero. Ultimamente collabora come direttore con l’Orchestra di Alessandria, con la quale ha registrato in prima assoluta la “Messa n. 7” di C. Gounod e l’inedito “Magnificat” per tenore, coro e orchestra di L. Perosi.
Sara Airoldi si diploma col massimo dei voti  presso il Conservatorio “G.Verdi” di Milano   e si perfeziona l’Accademia “W. Stauffer” di Cremona. Il suo percorso di perfezionamento le ha permesso di seguire masterclasses con alcuni tra i più importanti artisti e docenti del panorama nazionale ed internazionale. Collabora come primo violoncello con importanti Teatri italiani quali: Teatro San Carlo di Napoli, Cameristi del Maggio Musicale Fiorentino, Teatro Comunale di Bologna. Ricopre stabilmente il ruolo di primo violoncello nell’orchestra della Fondazione Arena di Verona ed è membro fondatore del Quartetto d’archi dell’Arena di Verona.
Elisa Parodi, nasce a Genova si è brillantemente diplomata in Flauto presso il Conservatorio della sua città. È stata premiata in numerosi concorsi musicali e fa parte di prestigiose orchestre sinfoniche e da camera. Ha collaborato con illustri Maestri ed è solista del noto gruppo “Rondò Veneziano” e questo l’ha portata a suonare nelle più prestigiose sale d’Europa (Vienna, Berlino, Mosca, Monaco, Lipsia, Basilea, ecc.). Idonea all’audizione per flauto ed ottavino presso il Teatro alla Scala di Milano ed il Teatro Regio di Torino, dove svolge frequentemente il ruolo di ottavinista-flautista , nel gennaio 2005 vince l’audizione presso la Fondazione Teatro C. Felice di Genova come ottavinista e flautista questo l’ha portata a far parte della stagione lirica e sinfonica con la quale collabora.