Consulta: è discriminatorio escludere lavoratori autonomi da canoni locazione più bassi

10

Roma, (Adnkronos) – Non è ragionevole escludere dai canoni di locazione più bassi per gli alloggi di edilizia residenziale pubblica i nuclei familiari il cui reddito provenga da lavoro autonomo. È quanto ha affermato la Corte costituzionale con la sentenza n. 112 depositata oggi (redattrice Emanuela Navarretta), dichiarando incostituzionale la legge della regione Lombardia 4 dicembre 2009, n. 27, che riserva i canoni di locazione più bassi agli assegnatari di alloggi il cui reddito provenga da pensione, da lavoro dipendente o assimilato. Alla luce della finalità della disciplina, volta a garantire il diritto inviolabile all’abitazione a persone che versano in condizioni di particolare fragilità economica, la Corte ha escluso che tale disparità di trattamento si possa ragionevolmente giustificare.