Conte: “Non siamo per le nazionalizzazioni”

5

Cernobbio, 8 set. (Adnkronos) – “Noi non siamo per le nazionalizzazioni o per le privatizzazioni ma per una gestione efficiente delle risorse pubbliche. Attenzione perché d’ora in poi, quando ci affideremo ai privati, consentiremo la remunerazione degli investimenti. Sappiamo cos’è il rischio di impresa, ma sappiamo anche cosa significa depredare risorse e non lo consentiremo più”. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte, al Forum Ambrosetti, parlando degli effetti di quanto accaduto a . 

“Sono stato accusato – ha argomentato – di minare lo stato di diritto perché avevo detto che di fronte a una catastrofe del genere, non vi sto a dire quante segnalazioni sono arrivate al governo di ponti che stavano cadendo, ho avviato la procedura di revoca della concessione. Sono stato definito un irresponsabile, uno che fa scappare gli investitori dall’Italia. E’ questo il capitalismo che vogliamo? Ci saranno – ha aggiunto – tutte le garanzie di legge, non siamo fuori dallo stato di diritto. La giustizia penale la fa la procura. Ci confronteremo, sono arrivate le repliche, e poi decideremo con fermezza e risolutezza. Discuteremo poi se ci sono gli estremi per arrivare alla revoca”.