Contship Italia, risultati record a Salerno ma è calo rispetto al 2017

47

Il Gruppo Contship Italia, operatore leader in Italia nel settore dei terminal container marittimi e del trasporto intermodale, nonostante i risultati record nei terminal di La Spezia, Salerno e Tangeri, ha registrato un calo dell’ 1.3% sul totale dei volumi movimentati nel 2017 rispetto all’anno precedente. Lo ha reso noto a Milano lo stesso gruppo, precisando che cresce la domanda di movimentazione nei terminal Gateway del Gruppo per servire i mercati di destinazione finale in Italia e in centro Europa (+13,2% con un incremento totale di 232.000 TEU), mentre calano le attività di transhipment (-6,8%) con 315.000 teu movimentati in meno rispetto al 2016. Hannibal, l’operatore intermodale (MTO) dedicato al trasporto dei flussi marittimi e continentali, ha registrato per il secondo anno consecutivo un aumento dei volumi dell’11%. I risultati dell’Hub ferroviario di Melzo, Rail Hub Milano (RHM), hanno risentito dell’interruzione dello scorso agosto sulla linea ferroviaria nei pressi di Ratstatt in Germania. La chiusura per due mesi del corridoio ferroviario Reno-Alpi ha avuto ripercussioni sui collegamenti ferroviari internazionali tra Italia e Europa occidentale, portando il terminal a gestire 181 treni in meno rispetto al 2016 (-3%). Cecilia Eckelmann-Battistello, presidente del Gruppo Contship Italia, ha dichiarato: “Il 2017 è stato un anno di grandi cambiamenti per il settore marittimo. La riorganizzazione delle linee di navigazione globali in nuove alleanze ha modificato sensibilmente il contesto competitivo. L’attenzione degli operatori si sposta sempre di più dalla performance dei porti, alla performance dell’intera supply-chain. Hannibal, l’operatore intermodale del Gruppo, continua a rispondere all’evoluzione della domanda, registrando un incremento nei volumi trasportati. Il Gruppo Contship è impegnato a offrire servizi port-to-door integrati e sempre più competitivi, attraverso soluzioni di trasporto innovative ed un alto livello di connettività dei terminal marittimi verso i mercati di destinazione finale. Un impegno necessario a supportare il continuo sviluppo in Italia ed oltre alpe”.