Convention Alis, riflettori accesi su trasporti e logistica green

79

“I nostri uomini hanno una formazione specifica e sono in grado di garantire consulenza e sicurezza a nostri clienti. Ci siamo accorti che sempre più spesso hanno necessità immediata e non riusciamo a consegnare in cinque minuti. Così abbiamo scelto di aprire una fittissima rete di punti vendita dove i nostri clienti possono prelevare la merce. Dotiamo i nostri clienti anche di una tessera per la tracciabilità”. Ad affermarlo è Roberto Cavosi, Direttore commerciale Würth Italia, nella tavola rotonda “Trasporti e Logistica Green come pilastri del sistema Paese” organizzata nell’ambito della seconda giornata della convention di Alis in corso a Sorrento.
Gabriele Giacoma, Amministratore Delegato Assiteca si focalizza sulla logistica “linfa vitale del settore industriale. Le sfide che stiamo programmando in questo settore incrociano i business di tutto il nostro tessuto industriale. Digital trasformation, industria 4.0 necessitano di un’attenzione degli imprenditori sulle strategie di crescita. Le statistiche pre covid forti parlano di un incremento delle operazioni di acquisizione e ampliamento di mercato o sevizi, molti mercati stanno entrando in una dimensione di polarizzazione”.
Rodolfo Giampieri, Presidente Assoporti, invita ad “analizzare lo scenario per declinare nuove strategie. L’importanza dei porti ha messo al centro dell’attenzione una realtà che la globalizzazione, lo spostamento di merci da un continente all’altro, ha rilanciato. Nel Mediterraneo vi è il 20 per cento dei traffici di tutto il mondo, come non puntare sulla logistica? La ripresa dell’economia passa attraverso il mare, il segno più inizia a farsi sentire, c’è la sensazione di un ottimismo ragionato. Grazie agli armatori, aziende e lavoratori, che hanno sempre lavorato per prodotti e rifornimenti”.
Al dibattito partecipa anche il sottosegretario alla Difesa Giorgio Mulè, che annuncia: “Stamattina siamo riusciti a mettere un’altra pietra nel futuro dei giovani in ferma prefissata con la lettera d’intenti firmata tra Ministero della Difesa e Alis, a supporto di questi militari che possono essere riconvertiti nella logistica. Non è poco perché questi giovani hanno competenze che matchano con aziende della logistica. Risultato straordinario perché il sistema Alis coincide con i valori del Paese”.Per Augusto Raggi, Responsabile Enel X Italia “servono responsabilità e gioco di squadra. Essere sostenibili per essere competitivi sul mercato, così il cliente ti sceglie e lo stesso fa l’investitore, che cerca una filiera sostenibile. Le colonnine elettriche però stentano a decollare per problemi burocratici. Sono intollerabili i ritardi sulle autorizzazioni”.
Parla del PNRR Francesco Sciaudone, Managing partner Grimaldi Studio Legale: “Usiamo regole vecchie per tempi diversi. Le imprese sono state lasciate fuori dal Pnrr. Se pensiamo di avere un approccio cartesiano con un processo come quello attuale è tempo perso. Bisognerebbe mettersi d’accordo su come usare gli strumenti, non crearne di nuovi. Senza parlare del fatto che il Piano non ha fatto una verifica preventiva sugli aiuti di stato”. Conclude Marco Terranova, Vice Presidente Fercargo: “Stiamo riuscendo a crescere ma gli obiettivi europei ci costringono a crescere ancora . Abbiamo tuttavia qualche difficoltà, ad esempio, sulla formazione del personale. Abbiamo bisogno di un anno per formare un macchinista. Abbiamo bisogno di intermodalità intelligente, partner che ci aiutino e un’attività politica dei trasporti che ci guidi. Non finanziamenti a pioggia ma sostegno a chi si impegna a fare innovazione”.