Cooperazione allo sviluppo, 4 nuovi bandi da Bruxelles

23

Promuovere lo sviluppo del settore privato nei Paesi dell’Asia centrale, rafforzare il contributo degli attori non statali nel migliorare la governance delle foreste, la gestione sostenibile delle stesse e il loro contributo allo sviluppo, supportare la partecipazione delle città sub-sahariane al Patto dei sindaci e infine promuovere l’attuazione del Processo di Rabat in tema di migrazione: sono questi gli obiettivi dei quattro bandi lanciati di recente nel quadro dei finanziamenti di DCI II.

Migrazione e mobilità
Partendo dall’ultimo, che affronta una delle emergenze più attuali,si tratta di un bando volto a promuovere la gestione della migrazione e della mobilità dei migranti migliorando la gestione di flussi migratori e il loro impatto sullo sviluppo. Il suo budget ammonta a 15 milioni di euro: 10 milioni per azioni attuate dagli Stati membri UE e dalla loro agenzie e 5 milioni per azioni attuate da Organizzazioni della società civile (OSC) e Università.
La scadenza per l‘invio dei concept note è il 2 marzo 2016.

Central Asia Invest
Il bando Central Asia Invest IV intende intervenire per il miglioramento del ruolo e delle competenze delle Organizzazioni intermediarie di business dell’Asia centrale perché possano supportare le Pmi e offrire loro servizi di alto livello, con l’intento di migliorare la competitività delle imprese sui mercati domestici e internazionali. Il budget disponibile per il bando ammonta a 7,5 milioni di euro e la scadenza per l’invio dei concept note è il 29 febbraio 2016.

Dal Congo al Pacifico
Il bando riguardante la partecipazione degli Attori non statali a progetti sulla governance delle foreste ha un budget di 27 milioni di euro ed è articolato in 6 lotti corrispondenti a specifiche aree geografiche, ciascuna con un budget dedicato:
Lotto1 –  Bacino del Congo (Camerun, Repubblica centrafricane, Congo, Repubblica democratica del Congo e Gabon): 5 milioni di euro
Lotto 2: Africa occidentale (Ghana, Costa d’avorio e Liberia): 3 milioni di euro
Lotto 3: Bacino dell’Amazzonia (Brasile, Colombia, Ecuador, Guyana, Perù e Suriname): 6 milioni di euro
Lotto 4: Corridoio mesoamericano (Belize, Guatemala, Honduras e Nicaragua): 3 milioni di euro
Lotto 5: Regione del Mekong (Cambogia, Laos, Myanmar, Tailandia e Vietnam): 5 milioni di euro
Lotto 6: Asia sudorientale e Pacifico (Indonesia, Malesia, Filippine e Papua Nuova Guinea): 5 milioni di euro.
Per un ulteriore lotto (Lotto 7) è stato assegnato un budget di 8,5 milioni di euro e i suoi contenuti saranno specificati in specifiche guidelines ancora da pubblicare. La scadenza per l’invio dei concept note (lotti 1-6) è l’8 marzo 2016.

Città sub-sahariane
Con il bando per estendere alle città sub-sahariane la partecipazione al Patto dei sindaci prosegue infine il coinvolgimento di città extraeuropee all’interno di questa iniziativa che riguarda la sostenibilità energetica ed ambientale (con precedenti bando sono state coinvolti i Paesi della sponda sud del Mediterraneo, dell’Europa orientale del Caucaso e dell’Asia centrale). Il budget del bando, lanciato nel quadro del programma tematico DCI II – Beni pubblici e sfide globali, ammonta a 5,9 milioni di euro e la scadenza per l’invio dei concept note è il 3 marzo 2016.